martedì 24 gennaio | 02:32
pubblicato il 24/lug/2013 09:32

Napolitano: Parlamento puo' sfiduciare Letta ma e' azzardo...(1 update)

(ASCA) - Roma, 24 lug - Nessuna blindatura del governo Letta da parte del Presidente della Repubblica, il Parlamento puo' sfiduciare quando vuole l'esecutivo. Ma e' dovere del Capo dello Stato mettere in guardia il Paese dai contraccolpi di una ulteriore destabilizzazione del quadro politico, anche perche' ''di azzardi la democrazia italiana ne ha vissuti gia' troppi''. Lo scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in una lettera aperta pubblicata oggi sul Corriere della Sera.

Napolitano, che prende spunto dalla lettera inviata ieri al Corriere da Fausto Bertinotti - nella quale, tra l'altro, l'ex presidente della Camera, rivolgendosi direttamente al Capo dello Stato sosteneva che ''non puo' congelare d'autorita' una delle possibili soluzioni al problema del governo del Paese'' - chiarisce che ''non posso certo 'congelare' ne' 'blindare' (termini, entrambi, di fantasia o di polemica a effetto) un governo ancora fresco di nomina, nemmeno tre mesi, che e', scrive Bertinotti, solo 'una delle possibili soluzioni al problema del governo del Paese'''. Ma ''c'e' bisogno di ricordare - chiede il Presidente della Repubblica - l'insuccesso del tentativo dell'on. Bersani, che ebbe da me, dopo le elezioni di febbraio, l'incarico, senza alcun vincolo o limite, di esplorare la possibilita' di una maggioranza parlamentare diversa da quella che e' stata poi posta a base del governo dell'on. Letta? E i successivi e piu' recenti sviluppi politici hanno forse fatto delineare quella possibilita' di cui l'on. Bersani dovette registrare l'insussistenza?''. Comunque, mette in evidenza Napolitano, ''nessun ''congelamento'' ovvero ''impedimento'' - parole grosse - ''alla libera dialettica democratica''. Il Parlamento e' libero, in ogni momento - puntualizza il Capo dello Stato - di votare la sfiducia al governo Letta. Ma il presidente ha il dovere di mettere in guardia il Paese e le forze politiche rispetto ai rischi e contraccolpi assai gravi, in primo luogo sotto il profilo economico e sociale, che un'ulteriore destabilizzazione e incertezza del quadro politico-istituzionale comporterebbe per l'Italia''. Napolitano dice di ''sapere bene che ''in caso di crisi'' resta ''il ricorso al voto popolare'' e che da qualche parte si confida nella possibilita' di ''dare vita'' cosi' ''a un'alternativa di governo''. Ma di azzardi - avverte - la democrazia italiana ne ha vissuti sin troppi''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4