mercoledì 18 gennaio | 00:30
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Napolitano: Nessun allarme per dopo Monti, impegni Ue restano

Premier concorda, e su sua candidatura: Inopportuno parlarne ora

Roma, 14 dic. (askanews) - Nessun allarme per il dopo Monti, anche il prossimo governo manterrà gli impegni assunti dall'Italia in Europa. Lo assicura Giorgio Napolitano parlando agli ambasciatori di tutto il mondo ricevuti al Quirinale per la tradizionale cerimonia degli auguri di Natale. Il capo dello Stato, che parlerà compiutamente della vicenda che ha portato alla decisione di andare al voto anticipato soltanto lunedì prossimo in occasione dei saluti con le alte cariche dello Stato, ha voluto dare però un primo segnale, soprattutto all'esterno, a quegli interlocutori internazionali, da ultimo e in modo esplicito i vertici del Ppe, che in questi giorni stanno enfatizzando la figura del nostro presidente del Consiglio quale garanzia di tenuta dell'Italia in vista delle elezioni. "Non ci si lasci allarmare dalle tensioni che hanno investito nei giorni scorsi il governo Monti provocandone le dimissioni - ha detto il Capo dello Stato -, questo difficile passaggio sarà superato". Insomma, anche se ci saranno le elezioni anticipate "gli assi portanti delle nostre relazioni internazionali non cambiano, come non cambia il rispetto degli impegni presi". Perchè, spiega Napolitano, il "banco di prova del senso di responsabilità e della vocazione europea di ogni forza politica sarà il non mettere a rischio i progressi conseguiti dall'Italia attraverso sforzi intensi e sacrifici dolorosi" e dunque "dal confronto elettorale uscirà quel rinnovato impegno che il Presidente Draghi evocava"; in termini di riforma della governance dell'area euro e di politiche per la crescita e l'occupazione. Continueremo a perseguirlo a casa nostra e nel concerto europeo", ha sancito il Presidente. D'accordo anche il premier uscente Mario Monti: "è anche la mia posizione", dice e quanto ad un suo prossimo impegno in politico glissa: "Non mi sembra possibile e opportuno per me entrare su questo tema che riguarda gli elettori italiani e l'offerta che ci sarà o non ci sarà di partiti o personalità in occasione delle elezioni". Napolitano ha voluto anche sdrammatizzare il clima elettorale già teso facendo un richiamo generale alla correttezza: "Il ricambio alla guida delle istituzioni è tratto fisiologico del buongoverno e della vita politica democratica - ha detto -. E' essenziale che si svolga pacificamente, nel rispetto dei diritti dei cittadini e in uno spirito di trasparenza, di servizio allo Stato e di certezza del diritto". Infine per il Presidente l'ultimo incontro con il corpo diplomatico è stato l'occasione per trarre un bilancio del suo settennato per quanto riguarda i rapporti internazionali: "Durante questi sette anni il mondo non è mai stato molto lontano dal Colle - ha ricordato -. Ho ricevuto qui 86 capi di Stato, e concesso 136 udienze a personalità straniere. E quando il mondo non veniva al Colle il Presidente si è mosso verso il vasto mondo - ha aggiunto - con 26 incontri internazionali in Italia, 74 viaggi all'estero, che hanno toccato 39 paesi e 7 organizzazioni internazionali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa