sabato 10 dicembre | 03:03
pubblicato il 11/mag/2011 15:00

Napolitano: Lotta politica non è guerra continua, serve rispetto

C'è troppa lacerazione. Libertà, unità, giustizia valori comuni

Napolitano: Lotta politica non è guerra continua, serve rispetto

Roma, 11 mag. (askanews) - Serve "rispetto reciproco tra le parti che fanno politica e che competono per conquistare la maggioranza alle elezioni" perché "la lotta politica non sia una guerra continua". All'indomani del nuovo attacco a testa bassa del Premier Silvio Berlusconi a opposizioni, magistratura ed altre istituzioni e a quarantotto ore dalla chiusura della campagna elettorale per il primo turno delle elezioni amministrative, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha chiesto senza mezzi termini alla classe politica di cambiare passo. Rispondendo alle domande degli studenti riuniti oggi al Quirinale per celebrare insieme i 150 anni di unità nazionale, Napolitano ha sottolineato la necessità di Paese "meno diviso e meno lacerato" dove "la lotta politica non sia una guerra continua". E, a una domanda su come il Presidente immagina l'Italia del 2061, "è un po difficile immaginare il Paese tra 50 anni - ha detto il presidente ai ragazzi- perchè dipende da voi: lo costruirete, dipenderà da voi. Di certo - ha posto l'accento- mi auguro un'Italia più serena, più sicura di sé, più consapevole delle sue grandi tradizioni". Per questo Napolitano ha sottolineato l'importanza della passione e dell'impegno civile da parte delle nuove generazioni. "Guai - ha detto il presidente - se non vi interessate del vostro Paese, delle sorti dell'Italia e del popolo come fecero i giovani del Risorgimento". E ancora: "Fatevi guidare da grandi ideali e valori che sono fondamentali per il futuro della nostra Italia" a partire dagli "ideali di libertà, unità e giustizia". Perchè "se non ci si impegna a realizzare obiettivi non solo personali ma comuni a tutti- ha ammonito il Capo dello Stato- non si può essere felici". E, sotto il profilo dell'unità nazionale, Napolitano si è detto confortato dalal convinzione che questo ideale si sia "rafforzato" in tutto il Paese grazie alle celebrazioni per i 150 anni "Ho visto partecipare a queste iniziative tante persone diverse, di tutte le parti del Paese e di tutte le idee. Abbiamo rafforzato la nostra unità al di sopra di tante divisioni e tensioni che purtroppo affliggono il nostro Paese" perchè l'unità, ha concluso il presidente, è stata festeggiata "non solo da gruppi di studiosi ma da tutti" e "se fossero mancati i giovani avremmo fallito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina