lunedì 27 febbraio | 15:07
pubblicato il 01/lug/2014 12:00

Napolitano: Italia si stringe a Israele, continui dialogo pace

Profondo sgomento per l'uccisione dei giovani

Napolitano: Italia si stringe a Israele, continui dialogo pace

Roma, 1 lug. (askanews) - "Ho accolto con profondo sgomento la notizia dell'uccisione di Eyal Ifrah, Gilad Shaar e Naftali Frenkel sottratti alla loro giovinezza ed ai loro familiari e compagni di studio da mano assassina e vile". Lo ha scritto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio inviato al presidente dello Stato di Israele, Reuven Rivlin. "In questa tristissima circostanza - ha sottolineato il capo dello Stato - l'Italia si stringe all'amico popolo israeliano colpito ancora una volta da nemici della pace, portatori di distruzione e disprezzo per la vita umana. Con questi sentimenti desidero esprimerle, a nome mio personale e di tutto il popolo italiano, il più sentito cordoglio che la prego di trasmettere anche alle famiglie colpite, unitamente all'auspicio che non si interrompano gli sforzi di dialogo per la pace".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech