martedì 24 gennaio | 14:24
pubblicato il 01/nov/2011 05:10

Napolitano: Italia rischia inadeguatezza,serve senso istituzioni

Colle festeggia 180 anni Consiglio Stato: Servono leggi migliori

Napolitano: Italia rischia inadeguatezza,serve senso istituzioni

Roma, 1 nov. (askanews) - Giorgio Napolitano parla al termine di una giornata funesta per le borse europee, in particolare per Piazza Affari, ieri maglia nera d'Europa. L'occasione è la cerimonia per il 180esimo anniversario del Consiglio di Stato al Quirinale. E qui il capo dello Stato ribadisce i suoi moniti di incitamento ad affrontare la crisi economica. Ma c'è un inedito. Per la prima volta il presidente della Repubblica riconosce che l'Italia "è esposta a rischi di grave inadeguatezza" nell'ambito delle istituzioni dell'Ue. Napolitano riprende il filo dei ragionamenti sull'Unione Europea della scorsa settimana. E cioè rimarca la "necessità, sempre più matura, di estendere l'area della sovranità condivisa" che però "nulla toglie all'esigenza di un efficace funzionamento e rafforzamento" di uno Stato come l'Italia, "storicamente caratterizzato da intrinseche debolezze e oggi esposto a rischi di grave inadeguatezza". Un modo per dire che nella cornice comunitaria ci sta bene uno Stato forte, che immagini le sue riforme ben piantate nella Costituzione, che abbia una legislazione non confusa, che respiri cultura e senso delle istituzioni. Tutto questo oggi in Italia non c'è. E Napolitano lo dice a chiare lettere: "si avverte un acuto bisogno di più cultura e di più senso delle istituzioni". Serve una "migliore legislazione", perchè è vero che "il rischio di legiferare confusamente" è "antico o permanente", ma è anche vero che "in tempi recenti" c'è stato "un sensibile scadimento del processo di formazione delle leggi". E poi le riforme: per farle nella maniera giusta "bisogna partire" dalla "Costituzione repubblicana, gli equilibri e le garanzie che essa ha fondato". E' un altro dei moniti preoccupati che il capo dello Stato esprime quasi quotidianamente in quest'ultimo periodo. Nel discorso al Quirinale, Napolitano ha sottolineato una particolare funzione del Consiglio di Stato. Quella di "frenare l'arbitrio dei partiti che prendono il governo". Lo ha fatto indirettamente, citando Benedetto Croce che, in un suo testo del 1925, difese Silvio Spaventa, fautore della formazione della quarta sezione del Consiglio di Stato quale struttura di "tutela dei cittadini nei confronti degli apparati pubblici", dal tentativo dei fascisti di presentarlo come precursore della loro "idolatria dello Stato". Spaventa, scrisse Croce e dice Napolitano, voleva "solo garantire a tutti i cittadini la giustizia", "impedendo e frenando l'arbitrio dei partiti che prendono il governo". E resta questo, anche oggi, lo "spirito" delle "funzioni giurisdizionali e consultive del Consiglio di Stato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4