mercoledì 07 dicembre | 18:08
pubblicato il 18/dic/2014 13:36

Napolitano: in semestre Ue svolto ruolo positivo e consapevole

Italia fatto comprendere necessità di ridare slancio a Europa

Napolitano: in semestre Ue svolto ruolo positivo e consapevole

Roma, 18 dic. (askanews) - E' un bilancio postivo quello che l'Italia può fare del suo semestre di presidenza Ue, ormai alla conclusione. A partire dal fatto di aver fatto comprendere la necessità di rilanciare l'Unione europea come motore di crescita e sviluppo, seguendo "realistiche regole di riequilibrio e disciplina fiscale". Lo ha detto il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel corso del tradizionale scambio di auguri con il corpo diplomatico.

Con il Consiglio Europeo che inizia oggi a Bruxelles, ha spiegato il Capo dello Stato, "si avviano a conclusione le attività del semestre di presidenza italiana dell'Unione Europea. Nel corso di mesi caratterizzati dal vivace dibattito che ha accompagnato il processo per la formazione della nuova Commissione e la designazione del Presidente del Consiglio Europeo e dell'Alto Rappresentante della Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, l'Italia - ha sottolineato - ha svolto il suo ruolo nella piena consapevolezza di quanto sia diffuso il bisogno di ricreare lo slancio propulsivo e ideale che segnò l'avvio e la crescita dei processi di integrazione europea. Insieme ad altri paesi ci siamo sforzati, con qualche successo, di focalizzare l'attenzione e la volontà politica dei paesi membri sull'imprescindibile necessità che l'Unione sia nuovamente motore di crescita e di sviluppo, sapendo combinare tale primario obbiettivo con realistiche regole di riequilibrio e disciplina fiscale".

Nel corso del semestre di presidenza italiana, ha aggiunto Napolitano, "siamo anche riusciti a far comprendere che gli epocali fenomeni migratori connessi con i tragici eventi in Medio Oriente e in Africa costituiscono una vera emergenza europea e che come tale vanno affrontati, mentre sulle sole coste italiane sono stati quest'anno tratti in salvo, col contributo decisivo delle nostre Forze della Marina Militare, 170.000 uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra, dalle violenze e dalla fame".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni