domenica 22 gennaio | 03:45
pubblicato il 31/ott/2012 05:10

Napolitano: Governo finisca legislatura. E non vede Berlusconi

Nuovo appello a riforma elettorale: servono nuove regole

Napolitano: Governo finisca legislatura. E non vede Berlusconi

Roma, 31 ott. (askanews) - L'incontro tra Giorgio Napolitano e Silvio Berlusconi non c'è stato. Perchè non è mai stato in agenda, almeno non in quella del Presidente della Repubblica. Ci sono stati invece alcuni colloqui ieri mattina a margine della cerimonia per i 150 anni della Corte dei Conti, prima con Mario Monti poi con Gianni Letta. Si chiude così il 'giallo' alimentato da alcuni giornali dopo la minaccia lanciata dall'ex premier di ritirare la fiducia a Monti. Sulla tenuta del governo però il presidente della Repubblica è intervenuto ieri chiedendo alle forze politiche di dimostrare "un'ampia e operosa assunzione di responsabilità in vista delle sfide che sono davanti all'Italia e all'Europa" fino al termine della legislatura. Napolitano ha osservato che "c'è materia assai rilevante per l'impegno del governo e del Parlamento di qui alla scadenza naturale della legislatura. Una scadenza sufficientemente vicina per consentire alle forze politiche di prepararsi a riassumere pienamente il loro ruolo nella vita istituzionale". Quanto al presunto incontro con Berlusconi al Quirinale spiegano che di 'convocazione' non si è mai trattato, più probabile si sia trattato di una richiesta da parte del Cavaliere, ma non ufficiale, per quanto poi fatta trapelare sulla stampa. Questo ovviamente non esclude che più avanti possa esserci un faccia a faccia. A quanto si apprende però dovrà passare un pò di tempo. Troppo recente la conferenza stampa-sfogo in cui Berlusconi ha attaccato a tutto campo la magistratura e il governo, perciò, è il ragionamento, sarebbe stato imbarazzante per entrambi vedersi adesso, sia se l'ex premier fosse salito al Colle per confermare le sue invettive, sia se l'avesse fatto per rimangiarsele. Meglio far decantare i tempi. Nel frattempo è stato Letta, storico mediatore nei rapporti tra i due, a rassicurare Napolitano sulla volontà del Pdl di proseguire l'esperienza di Monti. Che è quello a cui il Presidente tiene, come ha ribadito, invocando responsabilità fino alla fine della legislatura. Si abbassa l'allarme dunque per la minaccia del Cavaliere di far mancare la fiducia a Monti. Lo stesso premier lunedì aveva ostentato sicurezza dal momento che solo pochi giorni prima aveva visto Berlusconi ricevendone apprezzamento per il suo operato. Il Capo dello Stato è tornato invece a sollecitare la riforma della legge elettorale. Nel 2013 è necessario che i partiti politici si "sottopongano al corpo elettorale sulla base di nuove regole".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4