domenica 22 gennaio | 09:48
pubblicato il 06/ott/2011 15:34

Napolitano: Governo di tregua Pella fu utile e importante

Fu un'esperienza che segnò il futuro dell'Italia repubblicana

Napolitano: Governo di tregua Pella fu utile e importante

Biella, 6 ott. (askanews) - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel primo discorso ufficiale della sua tre giorni di visita tra il Piemonte e la Val D'Aosta ha ricordato la figura di Giuseppe Pella e l'incarico di formare il governo che gli fu affidato dal suo predecessore in qualità di presidente della Repubblica Luigi Einaudi. "Allora c'era bisogno di un governo di tregua e quella fu un'esperienza importante e utile che segnò anche il futuro dell'Italia repubblicana", ha dichiarato al Teatro Sociale di Biella il presidente della Repubblica. Il governo guidato dal democristiano Giuseppe Pella fu una creazione dell'allora presidente della Repubblica Luigi Einaudi che servì a gestire un periodo di 'tregua politica' e decantazione dopo che in Parlamento mancò la fiducia all'ultimo governo De Gasperi (l'ottavo, dopo sette anni ininterrotti a palazzo Chigi del leader Dc nella prima e seconda legislatura) nel quale Pella aveva l'incarico di ministro del Tesoro. Un esecutivo, quello di Pella, che politicamente servì ad accompagnare la fine dell' 'era De Gasperi' ed il passaggio di testimone nella premiership democristiana ad Amintore Fanfani. Pella fu nominato Presidente del Consiglio da Einaudi il 17 agosto 1953 ed assunse l'incarico senza riserva, come invece di prassi avviene per i presidenti 'incaricati', presentandosi alle Camere per chidere la fiducia. Unico scopo dell' esecutivo, come da incarico del Quirinale, fu quello di portare all'approvazione in Parlamento bilancio dello Stato entro il termine ultimo, allora fissato al 31 Ottobre. A sottolineare il carattere politicamente neutro, furono chiamati a far parte del Governo Pella quali ministri numerose personalità estranee alla politica. L'avvocato dello Stato Salvatore Scoca, ad esempio, fu nominato ministro alla Riforma burocratica. Il magistrato Antonio Azara divenne Guardasigilli. L'ingegnere Modesto Panetti titolare del dicastero delle Poste.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4