lunedì 05 dicembre | 09:29
pubblicato il 06/ott/2011 15:34

Napolitano: Governo di tregua Pella fu utile e importante

Fu un'esperienza che segnò il futuro dell'Italia repubblicana

Napolitano: Governo di tregua Pella fu utile e importante

Biella, 6 ott. (askanews) - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel primo discorso ufficiale della sua tre giorni di visita tra il Piemonte e la Val D'Aosta ha ricordato la figura di Giuseppe Pella e l'incarico di formare il governo che gli fu affidato dal suo predecessore in qualità di presidente della Repubblica Luigi Einaudi. "Allora c'era bisogno di un governo di tregua e quella fu un'esperienza importante e utile che segnò anche il futuro dell'Italia repubblicana", ha dichiarato al Teatro Sociale di Biella il presidente della Repubblica. Il governo guidato dal democristiano Giuseppe Pella fu una creazione dell'allora presidente della Repubblica Luigi Einaudi che servì a gestire un periodo di 'tregua politica' e decantazione dopo che in Parlamento mancò la fiducia all'ultimo governo De Gasperi (l'ottavo, dopo sette anni ininterrotti a palazzo Chigi del leader Dc nella prima e seconda legislatura) nel quale Pella aveva l'incarico di ministro del Tesoro. Un esecutivo, quello di Pella, che politicamente servì ad accompagnare la fine dell' 'era De Gasperi' ed il passaggio di testimone nella premiership democristiana ad Amintore Fanfani. Pella fu nominato Presidente del Consiglio da Einaudi il 17 agosto 1953 ed assunse l'incarico senza riserva, come invece di prassi avviene per i presidenti 'incaricati', presentandosi alle Camere per chidere la fiducia. Unico scopo dell' esecutivo, come da incarico del Quirinale, fu quello di portare all'approvazione in Parlamento bilancio dello Stato entro il termine ultimo, allora fissato al 31 Ottobre. A sottolineare il carattere politicamente neutro, furono chiamati a far parte del Governo Pella quali ministri numerose personalità estranee alla politica. L'avvocato dello Stato Salvatore Scoca, ad esempio, fu nominato ministro alla Riforma burocratica. Il magistrato Antonio Azara divenne Guardasigilli. L'ingegnere Modesto Panetti titolare del dicastero delle Poste.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari