venerdì 24 febbraio | 09:14
pubblicato il 09/mag/2014 12:00

Napolitano: Expo non c'entra con rischio astensionismo Europee

E' una vicenda strettamente italiana

Napolitano: Expo non c'entra con rischio astensionismo Europee

Firenze, 9 mag. (askanews) - "Non tiriamo in ballo l'Europa in vicende strettamente italiane. La risposta più sbagliata e l'astensionismo, il rigetto dell'Europa; anche il superamento di fenomeni di corruzione che si sono manifestati in Italia e sono non esclusivi del nostro paese è legato molto alla creazione di qualcosa che sia impegno, solidarietà e regole comuni a livello europeo". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, rispondendo a una domanda sull'effetto che potrebbero avere i nuovi casi di corruzione legati all'Expo di Milano sull'astensionismo alle elezioni europee. Il capo dello Stato ha parlato al suo arrivo a Palazzo Vecchio a Firenze, questo pomeriggio, dove assisterà al dibattito fra i leader dei partiti europei candidati alla guida della Commissione Ue nelle elezioni dell'Europarlamento del 25 maggio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech