lunedì 05 dicembre | 06:09
pubblicato il 01/feb/2013 16:55

Napolitano: evitare cortocircuito informazione-giustizia

Napolitano: evitare cortocircuito informazione-giustizia

(ASCA) - Roma, 1 feb - Un invito ad evitare corto-circuiti tra l'attivita' di informazione dei giornalisti e le indagini della magistratura arriva oggi dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nel corso dell'incontro avuto questa mattina al Quirinale con una delegazione dell'Ordine dei Giornalisti in occasione dei 50 anni della legge istitutiva dell'ordine Napolitano, nel corso di un indirizzo di saluto, ha ricordato che ''ci siamo incontrati sistematicamente nel corso di questi anni e abbiamo molto discusso di certi problemi che riguardano il modo di fare informazione, la correttezza e il ruolo dell'informazione, le regole deontologiche, e cosi' via. Non tornero' su questi temi - ha continuato Napolitano - dico solo qualcosa su un aspetto di quella tematica che, per ragioni che comprendete, anche in questo momento sento molto: l'aspetto dei rapporti tra stampa e amministrazione della giustizia. Abbiamo spesso degli effetti non positivi, quasi dei cortocircuiti tra informazione - che tende ad avere il massimo di elementi per poter assolvere a un ruolo di propulsione alla ricerca della verita' - e, nello stesso tempo, riservatezza necessaria delle indagini giudiziarie e rispetto del segreto d'indagine''.

A questo proposito, il Capo dello Stato ha fatto riferimento all'ultimo esempio del ''richiamo piuttosto brusco di un importante ufficio giudiziario, la Procura della Repubblica di Siena, che segue la scottante e complessa indagine sul Monte dei Paschi, di fronte alla pubblicazione di notizie che ha dichiarato totalmente infondate e di cui ha anche fatto comprendere la grave possibile ricaduta destabilizzante sui mercati, al punto da annunciare o da ventilare provvedimenti per aggiotaggio e insider trading''.

Questo - per il Presidente - e' un punto delicato di una materia tutta delicata''.

Nell'incontro, il Capo dello Stato ha rilevato che ''tutto e' cambiato'' nel mondo della comunicazione, e ''i giornalisti rischiano di pagare le conseguenze di un mancato adeguamento delle norme alla realta'''. Ha quindi fatto riferimento all'intervento del Ministro Severino: ''Ha detto con grande puntualita' e serieta' quali siano i problemi da affrontare: il problema dell'accesso e il problema di condizioni che siano garantite e obiettive, che non siano affidate, da un lato, all'arbitrio di chi ha l'esercizio del potere economico sui mezzi di informazione e, dall'altro, ad una condizione di debolezza dell'aspirante giornalista, che diventa una condizione di fatale sottomissione al ricatto e di senso di fatale precarieta' e mancanza di prospettive''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari