martedì 17 gennaio | 18:18
pubblicato il 20/nov/2012 05:10

Napolitano e il dopo Monti: No passi indietro, voto non fa paura

Presidente smorza polemiche: 'Amici' possono stare tranquilli

Napolitano e il dopo Monti: No passi indietro, voto non fa paura

Napoli, 20 nov. (askanews) - Un sorriso tra il discreto e il compiaciuto racconta molto del momento politico e degli umori del Colle. E' il sorriso del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano davanti alle parole del presidente tedesco Joachim Gauck che elogia il "coraggio" e la "responsabilità, virtù rara in politica" del governo Monti nel fare le riforme. Insomma la Germania guarda "con grandissimo rispetto" all'esecutivo dei tecnici. Questo oggi, ma anche per il futuro gli "amici", precisa Napolitano, non hanno nulla da temere perché il segno impresso da Monti è indelebile. Poi tornerà in scena la politica, che non potrà prescindere da quanto fatto finora. A poche ore dalla precisazione del premier Mario Monti sull'affidabilità di chi verrà dopo di lui, Napolitano, dal vertice di Napoli con i presidenti tedesco e polacco, ieri ha messo la ciliegina sulla torta. Niente paura, niente rischi: la strada è segnata e qualunque partito vinca le elezioni, pur nella differenza di posizioni, non potrà prescindere da tutto questo. Implicita nel discorso del Capo dello Stato la convinzione che dopo la parentesi dei tecnici la parola debba passare ai partiti. E' noto, poi, l'apprezzamento del Colle nei confronti del governo e del profilo da 'civil servant' del premier che non deve essere compromesso dal pressing di chi, da una parte e dall'altra, cerca di "tirare per la giacca" il Professore. Poi saranno i cittadini a disegnare il futuro. Napolitano non teme le elezioni e ai giornalisti che a Napoli, dopo il trilaterale tutto dedicato ai temi europei, gli chiedono una risposta ai dubbi e ai timori, anche di partner europei, sul futuro politico dell'Italia al termine dell'esperienza Monti risponde con una sequela di domande retoriche: "Vogliamo dunque non votare? Per essere tranquilli vogliamo scrivere il risultato a tavolino?". Ovviamente no. E' una considerazione perfino "banale", ragiona il presidente, la constatazione che quando ci sono "elezioni libere non si può prevedere il risultato" e "un certo grado di rischio" c'è sempre. Insomma, è la democrazia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa