giovedì 08 dicembre | 13:38
pubblicato il 02/ott/2012 21:22

Napolitano difende euro. E invoca crescita e lavoro per giovani

Rilanciare riforme istituzioni Ue per andare oltre moneta unica

Napolitano difende euro. E invoca crescita e lavoro per giovani

Madrid, 2 ott. (askanews) - La difesa dell'euro, ma anche l'emergenza del lavoro per i giovani e il rilancio della crescita in Europa. Sono questi i temi su cui ha insistito oggi il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a Madrid per ricevere il premio Nueva economia e partecipare al Cotec, il simposio economico promosso da Italia, Spagna e Portogallo. Il Capo dello Stato ribadisce ancora una volta che la scelta della moneta unica è irreversibile: "Dall'euro non si torna indietro, quindi non resta che andare avanti con i provvedimenti necessari, compresi gli ulteriori trasferimenti di sovranità per consolidare l'unione economica e monetaria", ha spiegato rivolgendosi anche a quelle forze politiche e a personalità come l'ex premier Silvio Berlusconi che hanno recentemente criticato questa scelta: "Abbiamo messo a tacere le voci che irresponsabilmente profetizzavano la fatale implosione dell'euro". E ancora Napolitano ha ammonito: "non si può discettare a cuor leggero sulle disastrose ricadute a catena di una disintegrazione dell'euro, sull'intero sistema economico e mondiale. Perchè, non facciamoci illusioni: non ci sarebbero nè vinti nè vincitori, solo economie prostrate, tensioni commerciali acute, fenomeni di impoverimento e fortissimi disagi sociali, una recessione mondiale il cui spettro non può non suscitare timori a Londra, New York e Shanghai". Quindi il suo pensiero si è rivolto ai giovani e alla loro ansia per il futuro, su questo Napolitano ha auspicato uno "sforzo comune" di Italia e Spagna, i due paesi più colpiti dalla crisi e dalla disoccupazione affinchè "favoriscano l'avvio di una ripresa che crei occupazione altrimenti - ha avvertito - avremo una generazione persa". Questa "è la prima emergenza alla quale i governi sono chiamati a rispondere, pur nel rispetto delle strettoie finanziarie". Ma l'Europa non è solo moneta unica e politica economica, anzi la crisi ha dimostrato quanto sia indispensabile uno scatto anche dal punto di vista istituzionale e qui prendendo in prestito le parole di Mario Draghi, Napolitano ha ricordato che "integrazione economica e integrazione politica possono andare in parallelo". Il tema va affrontato con coraggio, pur senza forzature, ma "procedendo per stadi, distinguendo tra innovazioni attuabili sulla base del Trattato di Lisbona , emendamenti circoscritti al Trattato che possono essere introdotti anche con procedure di revisione semplificata, e quindi riforma organica dei Trattati che abbracci il nodo delle competenze e passi attraverso la convocazione di una nuova Convenzione". L'integrazione e il rafforzamento dell'Unione politica sono due temi su cui il Presidente insiste da tempo perciò non poteva che apprezzare le recenti prese di posizioni dei ministri dell'Economia Grilli e Schaueble quali "forti voci favorevoli a compiere quell'ulteriore salto che le circostanze impedirono con il Trattato di Lisbona" ossia quel che Barroso chiama "un patto decisivo per l'Europa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni