lunedì 05 dicembre | 18:27
pubblicato il 16/dic/2013 20:01

Napolitano: Colaninno (Pd), sue parole rotta di sicurezza per il Paese

Napolitano: Colaninno (Pd), sue parole rotta di sicurezza per il Paese

(ASCA) - Roma, 16 dic - ''Le parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano siano la rotta di sicurezza per il Paese. La credibilita' e la stabilita' politica dell'Italia sono l'unica moneta per accompagnare ordinatamente il Paese fuori da questa crisi. Come ha ricordato il capo dello Stato, gli effetti della recessione sono tuttora pesantissimi, con i rischi conseguenti''. Lo afferma Matteo Colaninno, deputato Pd.

''La politica ha bisogno di ritrovare una forte coesione, consapevolezza e serenita' per corrispondere alle enormi complessita' sociali, economiche e produttive del nostro Paese. Il Governo Letta, la cui stabilita' e' discriminante per la definitiva messa in sicurezza dell'Italia, deve poter trovare nel Parlamento nuova linfa e collaborazione per attuare quelle importanti riforme che gli italiani attendono ormai da molto tempo'', conclude Colaninno. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari