mercoledì 07 dicembre | 23:04
pubblicato il 17/dic/2013 11:59

Napolitano: Capezzone, abnorme interventismo, non e' Presidente francese

Napolitano: Capezzone, abnorme interventismo, non e' Presidente francese

(ASCA) - Roma, 17 dic - ''Chi scrive ha votato due volte, nel 2006 e nel 2013, per l'elezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica. Non sono dunque sospettabile di 'pregiudizi', se non di 'pregiudizi positivi'. Ne' nego che, dopo le presidenze di Francesco Cossiga, Oscar Luigi Scalfaro e Carlo Azeglio Ciampi, si sia determinata una progressiva tendenza ad ampliare l'area di influenza e iniziativa del Quirinale, con particolare riguardo al cosiddetto 'potere di esternazione'''. Lo afferma Daniele Capezzone, presidente della commissione Finanze della Camera.

''Tuttavia, appare francamente abnorme (quale che sia il giudizio di merito che ciascuno possa dare, giorno dopo giorno, rispetto all'una o all'altra sortita del Presidente Napolitano) che si dia ormai per scontato il fatto che il Capo dello Stato detti quotidianamente la linea (quasi fosse il Capo dell'Esecutivo, o il leader di una maggioranza parlamentare, o un Presidente eletto direttamente dai cittadini sul modello francese o americano) sui temi della politica economica, della politica estera, delle riforme istituzionali, scegliendo peraltro ogni giorno una tesi a scapito di un'altra tesi, 'benedicendo' o 'scomunicando', 'aprendo' o 'chiudendo', ergendosi a tutore di un Esecutivo e di una maggioranza parlamentare, e sempre avanzando argomenti naturalmente rispettabili, ma certamente controvertibili, opinabili, discutibili, come fanno i leader politici di parte, di una parte'', aggiunge Capezzone.

''A nostra memoria, il Capo dello Stato sarebbe invece chiamato ad essere garante di ogni posizione, di ogni scelta, di ogni tesi. Se al contrario si da' per acquisita un'interpretazione che consente scelte e opzioni politiche quotidiane divisive, interne a quell'agone politico al quale le istituzioni di garanzia dovrebbero rimanere estranee, si accetta una innovazione costituzionale che non e' ancora formalmente avvenuta. Immagino che il Presidente Napolitano ricordi i suoi stessi giudizi sull'ultimo biennio della presidenza di Francesco Cossiga'', conclude Capezzone. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Pisapia: pronto a unire sinistra fuori da Pd, dialogo con Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni