sabato 03 dicembre | 15:29
pubblicato il 02/gen/2014 10:26

Napolitano: Bonafede (M5S), dal Colle ancora offese

(ASCA) - Roma, 2 gen 2014 - Il capo dello Stato Giorgio Napolitano ''e' una specie di monarca e lo dimostra permettendosi di dire che lo calunniamo solo perche' potremmo presentare l'impeachment. Finge pure di criticare la decretazione omnibus, ma intanto la avalla costantemente''.

Lo afferma il deputato del Movimento 5 Stelle, Alfonso Bonafede, in un'intervista al quotidiano 'la Repubblica'.

E commentando il discorso di fine anno del Presidente aggiunge: ''Non basta leggere lettere dei cittadini per essere vicini alla loro realta', ai loro sacrifici.

Napolitano e' distante anni luce dalla gente e, tra l'altro, non ha fornito alcuna risposta concreta ai problemi. Parla di cambiamento ma, contraddicendosi, chiede di continuare nel solco della stabilita' di governo''.

''Nel discorso di fine anno ci ha offeso - dice Bonafede -. Mi chiedo se sia mai accaduto che un Presidente lanci accuse del genere contro chi e' eletto dai cittadini. Lui, intanto, e' diventato l'alter ego del premier''. sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari