sabato 21 gennaio | 05:12
pubblicato il 24/mar/2012 16:43

Napolitano blocca rumours sul suo conto: Non mi ricandido

Risposta a Nicolò Rosso, in gita al Colle con la scuola media

Napolitano blocca rumours sul suo conto: Non mi ricandido

Roma, 24 mar. (askanews) - Il 2013 è dietro l'angolo, nei Palazzi continuano a rincorrersi ipotesi e voci sulla prossima presidenza della Repubblica. Sotto traccia, si affacciano anche i rumours incontrollati su una eventuale ricandidatura di Giorgio Napolitano alla scadenza del settennato l'anno prossimo. Ben consapevole delle pieghe che può prendere il dibattito politico, il presidente della Repubblica blocca sul nascere qualsiasi indiscrezione sul suo conto. E oggi fa sapere che non ci pensa proprio a ricandidarsi per un secondo mandato al Colle. Per dissipare ogni dubbio, il capo dello Stato approfitta della domanda che gli viene posta da un ragazzino di prima media dell'istituto 'Virgilio' di Roma. Ironia della sorte, trattasi di Nicolò Rosso, figlio di Umberto, quirinalista di Repubblica. Il 16 gennaio scorso Nicolò visita il Quirinale con la scuola e viene ricevuto da Napolitano, che si presta alle domande dei giovanissimi studenti. Il tutto viene ripreso in un documentario realizzato dalla Rai sul palazzo del Quirinale, 'Istituzioni - una giornata al Quirinale', proiettato in anteprima per i giornalisti al Colle questa mattina. "Signor presidente, quando finirà la sua carica, lei pensa di ricandidarsi?", chiede Nicolò. "C'è stata una tua collega che molto gentilmente si è preoccupata della mia stanchezza!", risponde Napolitano. "Effettivamente la stanchezza c'è - ammette - e poi non si deve ritenere di essere insostituibile. Sono una persona che ha lavorato molto, ha avuto molte soddisfazioni, molte responsabilità ma sono una persona molto avanti negli anni. necessario passare la mano, è necessario che si facciano avanti altri anche per la carica di Presidente della Repubblica". Quindi, "dopo il maggio del 2013 ci potremo vedere di nuovo, quando vorrete, ma sarà da privato cittadino". Sulla presidenza della Repubblica, Napolitano poi si permette di esprimere un auspicio, rispondendo ad un'altra domanda posta dai ragazzi. "Può una donna diventare presidente? E perchè finora non è successo?", viene chiesto. "Da deputato - risponde il capo dello Stato - ho partecipato all'elezione di molti presidenti della Repubblica e mi sono sempre trovato a dover scegliere fra candidati uomini. Sicuramente rimane ancora, se non un vero e proprio pregiudizio, una resistenza a scegliere una donna per certi incarichi". Ma, aggiunge, "più le donne si faranno sentire, prima arriverà, mi auguro presto, il momento in cui ci sarà anche una candidata donna a presidente della Repubblica e potrà essere eletta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4