sabato 03 dicembre | 08:12
pubblicato il 03/set/2014 20:52

Napolitano: bene Putin-Poroshenko, cessate il fuoco si consolidi

"Dialogo apra la strada a rilancio cooperazione euro-russa" (ASCA) - Roma, 3 set 2014 - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha appreso della nuova conversazione telefonica fra il presidente Putin e il presidente Poroshenko nel corso della quale sono state costruttivamente discusse misure per allentare la tensione e promuovere un cessate il fuoco nelle regioni orientali dell'Ucraina. Lo riferisce una nota pubblicata sul sito del Quirinale.

Il presidente della Repubblica "desidera esprimere - si legge nel comunicato - grande apprezzamento per questo positivo sviluppo e vivissima speranza che il cessate il fuoco possa effettivamente realizzarsi e consolidarsi lasciando spazio al dialogo politico fra le parti". "L'auspicio - conclude il comunicato - e' che tale dialogo apra la strada al rilancio di quella cooperazione tra Unione Europea e Federazione Russa oggi in grave crisi dopo essersi sviluppata nel corso degli anni per far fronte a sfide e minacce comuni".

Pol/Bar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari