martedì 28 febbraio | 11:41
pubblicato il 07/dic/2013 12:00

Napolitano, Barroso e Grasso alla Prima della Scala

Per il governo sono presenti i ministri Mauro e Bray

Napolitano, Barroso e Grasso alla Prima della Scala

Milano, 7 dic. (askanews) - una Prima della Scala più istituzionale e meno mondana quella iniziata alle 18 con l'esecuzione della Traviata di Giuseppe Verdi. Sono presenti il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, il presidente del Senato Pietro Grasso, mentre a rappresentare il governo ci sono il ministro della Cultura Massimo Bray e il ministro della Difesa Mario Mauro. Per le istituzioni locali sono presenti il presidente della Lombardia Roberto Maroni alla sua prima scaligera e il sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Il mondo dell'economia è rappresentato, tra gli altri, dal presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e dal presidente della Fiat John Elkann. Non mancano all'appuntamento anche l'ex premier Mario Monti, fedelissimo della Scala, e l'ex ministro Corrado Passera.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech