sabato 03 dicembre | 21:16
pubblicato il 23/mar/2012 17:36

##Napolitano aspetta scelte Parlamento, ma blinda riforma:Da fare

Non porta a licenziamenti facili. Tempi certi di approvazione

##Napolitano aspetta scelte Parlamento, ma blinda riforma:Da fare

Roma, 23 mar. (askanews) - Giorgio Napolitano continua a seguire con la massima attenzione il percorso della riforma del mercato del lavoro intrapreso dal governo. Dopo l'incontro di ieri mattina al Colle con il premier Mario Monti e il ministro Elsa Fornero, che è servito anche per escludere definitivamente la via del decreto legge, oggi il capo dello Stato è intervenuto di nuovo sul tema spezzando anche più lance a favore della necessità di proseguire sulla strada imboccata. La riforma "era da fare", ha detto il presidente della Repubblica parlando con i giornalisti a margine della cerimonia in ricordo dei 335 martiri delle Fosse Ardeatine. E non è vero che apre le porte ai "licenziamenti facili". Ora del pacchetto discuterà il Parlamento, ha detto il presidente della Repubblica, rimarcando che in quella sede "si confronteranno preoccupazioni e proposte". Ma la convinzione e l'auspicio di Napolitano è che "si arriverà ad un risultato di cui si potranno riconoscere meriti e validità". Largo alla discussione quindi, nessuna decisione d'imperio da parte dell'esecutivo ma è chiaro al Colle si mettono in conto tempi certi e rapidi di approvazione, nel rispetto delle prerogative parlamentari. Nel suo ragionamento, Napolitano parte dall'assunto che il problema non sta nell'articolo 18, ma nella crisi delle aziende: "i lavoratori rischiano di perdere il posto di lavoro non per via dell'articolo 18 ma per il crollo di determinate attività produttive". E' un invito a guardare con maggiore apertura ai temi della riforma, anche nelle parti di modifica dell'articolo 18 che hanno fatto saltare il banco con la Cgil, incrinato i rapporti tra governo e Pd, convinto anche la Cisl e la Cei a intervenire per chiedere revisioni. Approfittando del messaggio al 28esimo congresso del Partito liberale, Napolitano ripesca proprio in quella tradizione politica, "di grande rilievo nell'attuale momento di trasformazione e travaglio vissuto dal nostro Paese". Perchè, dice, "può contribuire in modo significativo ad eliminare rigidità e chiusure corporative che rischiano di compromettere il corretto funzionamento delle istituzioni democratiche e la stessa dinamica sociale, troppo spesso a scapito delle generazioni più giovani". Un invito, l'ennesimo e anche piuttosto esplicito, a eliminare tabù e gabbie che blocchino la discussione su un nuovo modello sociale e lavorativo imposto dalla crisi e da un mondo radicalmente cambiato, ha sottolineato più volte il capo dello Stato negli ultimi mesi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari