martedì 17 gennaio | 14:42
pubblicato il 11/feb/2012 05:10

Napolitano a Ue: Rigore ma anche solidarietà, Italia impegnata

Ce la possiamo fare ma Unione non è solo euro, serve integrazione

Napolitano a Ue: Rigore ma anche solidarietà, Italia impegnata

Helsinki, 11 feb. (askanews) - L'Europa ce la può fare. Ma deve correggere la rotta, apportare cambiamenti di fronte a un mondo "radicalmente cambiato", nel quale la nostra Unione non è più baricentro. E' la realtà che Giorgio Napolitano invita a guardare, parlando ad altri otto capi di Stato esteri riuniti a Helsinki in una due giorni di meeting informale sotto l'egida del cosiddetto 'Arraiolos group', dal nome della cittadina portoghese dove si incontrarono per la prima volta nel 2003. Cambiare, anche rispetto alle scelte adottate più di recente. E qui è semplice cogliere un monito che viaggia in direzione Berlino. Perchè, ha detto il presidente della Repubblica, è vero che nell'ultimo periodo l'Ue è stata concentrata nella difesa dell'euro dagli attacchi della crisi economica. Ma è anche vero che l'Europa "non è solo euro", bisogna avviare una maggiore integrazione comunitaria. Va bene quella decisa in materia di fiscalità, vale a dire il 'fiscal compact' tanto voluto dalla Germania e rifinito ultimamente al Consiglio europeo. Ma proprio per "tradurre in fatti reali" quella formula "dobbiamo andare oltre il mero coordinamento delle politiche economiche nazionali, che ha causato il fallimento della Strategia di Lisbona". Serve più cooperazione in fatto di "decisioni e iniziative comuni per la produttività e la competitività", ma anche in materia di "politica estera e di sicurezza comune". Proprio qualche giorno fa a Roma il Consiglio Supremo della Difesa, riunito al Quirinale, è giunto a simili conclusioni: ineludibile integrare gli eserciti europei. "Perchè - ha specificato Napolitano - fuori d'Europa c a'è domanda di più Europa, ma di una Europa che abbia una voce sola". L'importante è che tutti i partner europei capiscano che di non solo rigore è fatta l'Europa. Serve anche "solidarietà", ha insistito Napolitano, tornando su un concetto a lui caro. "Nessun Paese da solo, per quanto grande e competitivo, può agire con capacità sufficiente per contare davvero nel nuovo contesto globale. Solo l a'Europa unita può essere una risposta al rischio di declino". Quanto all'Italia, ora che con il governo Monti ha riconquistato relazioni internazionali sopite, ce la sta mettendo tutta. L'Italia si sta assumendo le proprie "responsabilità", ha spiegato Napolitano ai suoi colleghi europei, "con decisioni difficili e duri sacrifici, in particolare per ridurre l a'enorme debito pubblico, per non lasciare che gravi sulle giovani generazioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa