lunedì 23 gennaio | 10:07
pubblicato il 21/dic/2011 14:28

Napolitano/ 2011 anno 'Re Giorgio', su l'Espresso elogio dai big

L''incoronazione' di Alfano, Maroni, Bersani, Fini, Casini

Napolitano/ 2011 anno 'Re Giorgio', su l'Espresso elogio dai big

Roma, 21 dic. (askanews) - Il 2011 anno di 'Re Giorgio'. Con una incornazione-elogio dei big della politica (Lega e Pdl compresi, ma non per voce di Berlusconi e Bossi), il settimanale l'Espresso definisce i dodici mesi che ci sono alle spalle 'lanno di Napolitano'. Angelino Alfano - "In Napolitano - dice il segretario del Pdl- avevo trovato un punto di riferimento già negli anni in cui da ministro della Giustizia avevo con lui, presidente del Csm, una consuetudine istituzionale. Mi rivolgo a lui quando ho bisogno di un consiglio per la sua saggezza. In questo 2011 ha esercitato pienamente i poteri che la Costituzione gli assegna e che non sono solo formali". Roberto Maroni - "Dopo Bossi e Berlusconi - afferma l'ex ministro degli Interni leghista- colloco Napolitano sul podio come innovatore della politica italiana degli ultimi vent'anni. Sua è la rivoluzione dolce che nei fatti ha introdotto in Italia il presidenzialismo sul modello francese. Al pari di Sarkozy, ora è lui a nominare il capo del governo e a esercitare il ruolo di presidente, in politica estera e in quella interna. Quando, spero presto, la politica riprenderà il suo ruolo, bisognerà adeguare la Carta alla Costituzione reale, ormai presidenzialista. Certo, ha occupato lo spazio lasciato libero dai partiti, che hanno alzato le mani e si sono arresi. Ma è un merito: se non l'avesse fatto lui, quello spazio l'avrebbero occupato Merkel e Sarkozy. Lui ha solo difeso l'indipendenza italiana dall'invadenza francotedesca". Pierluigi Bersani - "Tra i molti meriti di Napolitano, uno che li riassume tutti: in un anno particolarmente difficile - evidenzia il leader del Pd- ha protetto il buon nome del Paese di fronte al mondo e agli stessi italiani. Considerato tutto ciò che è accaduto nel 2011, non era semplice. Napolitano ci è riuscito. Grazie presidente" Gianfranco Fini - "Rispettando scrupolosamente la Costituzione, e quindi senza mai interferire nell'azione del governo Berlusconi e senza mai prendere posizioni di parte nell'accesissimo confronto politico con le opposizioni - ha evidenziato il Presidente della Camera Gianfranco Fini- il presidente ha avuto il grande merito di garantire l'interesse nazionale incaricando Mario Monti, ed evitando così il salto nel buio delle elezioni anticipate nel pieno della crisi finanziaria". Pier Ferdinando Casini - "Nel 2011 - assicura il cattolico leader Udc- per l'Italia il presidente Napolitano ha sostituito la provvidenza. Nel 2012 speriamo non ce ne sia bisogno: vorrebbe dire che ci stiamo avviando a tornare un Paese normale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4