martedì 17 gennaio | 10:39
pubblicato il 24/lug/2013 09:18

Napolitano: ''Elezioni anticipate dannosa patologia italiana''

Napolitano: ''Elezioni anticipate dannosa patologia italiana''

(ASCA) - Roma, 24 lug - ''Si comprendera' che da presidente - guardando anche a dcenni di vita repubblicana - io consideri il frequente e facile ricorso a elezioni politiche anticipate come una delle piu' dannose patologie italiane''. Lo scrive il Presidente della Repubblca Giorgio Napolitano in una lettera aperta pubblicata oggi sul Corriere della Sera. Nessuna blindatura del governo Letta da parte del Presidente della Repubblica, il Parlamento puo' sfiduciare quando vuole l'esecutivo. Ma e' dovere del Capo dello Stato, spiega Napolitano, mettere in guardia il Paese dai contraccolpi di una ulteriore destabilizzazione del quadro politico, anche perche' ''di azzardi la democrazia italiana ne ha vissuti gia' troppi''. Napolitano, che prende spunto dalla lettera inviata ieri al Corriere da Fausto Bertinotti - nella quale, tra l'altro, l'ex presidente della Camera, rivolgendosi direttamente al Capo dello Stato sosteneva che ''non puo' congelare d'autorita' una delle possibili soluzioni al problema del governo del Paese'' - chiarisce che ''non posso certo 'congelare' ne' 'blindare' (termini, entrambi, di fantasia o di polemica a effetto) un governo ancora fresco di nomina, nemmeno tre mesi, che e', scrive Bertinotti, solo 'una delle possibili soluzioni al problema del governo del Paese'''. Ma ''c'e' bisogno di ricordare - chiede il Presidente della Repubblica - l'insuccesso del tentativo dell'on. Bersani, che ebbe da me, dopo le elezioni di febbraio, l'incarico, senza alcun vincolo o limite, di esplorare la possibilita' di una maggioranza parlamentare diversa da quella che e' stata poi posta a base del governo dell'on. Letta? E i successivi e piu' recenti sviluppi politici hanno forse fatto delineare quella possibilita' di cui l'on. Bersani dovette registrare l'insussistenza?''. Comunque, mette in evidenza Napolitano, ''nessun ''congelamento'' ovvero ''impedimento'' - parole grosse - ''alla libera dialettica democratica''. Il Parlamento e' libero, in ogni momento - puntualizza il Capo dello Stato - di votare la sfiducia al governo Letta. Ma il presidente ha il dovere di mettere in guardia il Paese e le forze politiche rispetto ai rischi e contraccolpi assai gravi, in primo luogo sotto il profilo economico e sociale, che un'ulteriore destabilizzazione e incertezza del quadro politico-istituzionale comporterebbe per l'Italia''. Napolitano dice di ''sapere bene che ''in caso di crisi'' resta ''il ricorso al voto popolare'' e che da qualche parte si confida nella possibilita' di ''dare vita'' cosi' ''a un'alternativa di governo''. Ma di azzardi - avverte - la democrazia italiana ne ha vissuti sin troppi''. fdv/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello