mercoledì 22 febbraio | 07:18
pubblicato il 05/mar/2013 14:18

Napoli: Ranucci, lotta a mafie sia priorita' nuovo Governo

(ASCA) - Napoli, 5 mar - ''L'attentato di oggi e' un dolore non solo per la citta' di Napoli ma per l'intero Paese''. Lo dice il senatore del Pd Raffaele Ranucci che poi continua: ''Se la magistratura confermera' che l'incendio della citta' della Scienza e' di origine dolosa, la nostra priorita' alla lotta alla camorra e alla malavita organizzata dovra' essere ancora piu' urgente e incisiva. Le mafie non stanno solo conquistando parti nevralgiche dell'economia dei territori ma ora distruggono anche le eccellenze che, come la citta' della Scienza, sono sorte per lo sviluppo sociale del territorio e, al tempo stesso, come punto di riferimento della ricerca del Mezzogiorno''. ''Ecco le priorita' per il prossimo governo e per il prossimo Parlamento: provvedimenti e massimo impegno contro l'illegalita' e la violenza delle mafie. La criminalita' organizzata e' un macigno sulla strada della ripresa economica - conclude - degli investimenti, del pieno sviluppo del Paese''. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia