sabato 21 gennaio | 20:39
pubblicato il 17/mag/2011 19:53

Napoli/ De Magistris: Apertura su programmi,ma no apparentamenti

Città diventata laboratorio politico per chi vuole cambiamento

Napoli/ De Magistris: Apertura su programmi,ma no apparentamenti

Napoli, 17 mag. (askanews) - Napoli è divenuto un "laboratorio politico" e la svolta per vincere il ballottaggio di fine maggio sarà dire 'no' a qualsiasi forma di apparentamento, decidendo le alleanza sulla base dei programmi e delle persone. E' un fiume in piena Luigi de Magistris, in conferenza stampa a Napoli: cravatta rossa ed eloquio da magistrato, cerca di stemperare la tensione anche con qualche battuta, ma è palese la sua voglia di vincere e di continuare, "già da domani mattina una campagna elettorale serrata e bellissima, tra la gente e tra chi vuole un cambiamento". "Sento entusiasmo intorno a me e anche i dati del voto disgiunto mi danno ragione - ha aggiunto l'ex pm - ho avuto voti anche da centro e da destra, da parte di quelle persone oneste che vogliono dire basta all'epoca, iniziata nel '92, di Bassolino, ma vogliono dire 'no' anche a Cosentino e alla sua cricca". Napoli deve essere "liberata dalla malapolitica e dal partito unico della spesa pubblica" e "io voglio essere il sindaco di tutti, di quei cittadini onesti che vogliono discontinuità con il passato". De Magistris ringrazia tutti quelli che hanno, in queste ore, pronunciato parole di apprezzamento nei suoi confronti, ma preferisce rimanere al di fuori dai giochi: "Un apparentamento formale dettato dall'algebra non sarebbe capito dai cittadini che vogliono, invece, novità". Per questo 'no' sul palco con il vincitore, mai proclamato delle Primarie del centrosinistra, Andrea Cozzolino "non è una questione personale, ma devo avere rispetto per chi mi ha votato", ma anche "bene" alle parole del leader campano dell'Udc, Ciriaco De Mita che ha dichiarato di non apprezzare nè Lettieri nè de Magistris. "Sono felice di queste parole proprio perché - ha detto il candidato di Idv e Federazione della sinistra - lui rappresenta il vecchio e proprio quello che non voglio più rappresentare". 'Sì', invece, all'appoggio del Movimento 5Stelle di Beppe Grillo con il quale "il dialogo continuerà", ma 'no' a un programma "negoziabile". "Migliorabile sì, ma negoziabile no - ha rimarcato in più passaggi - il dialogo con gli altri schieramenti è già iniziato e sta andando bene. Alcuni dirigenti di partito hanno capito cosa è successo e, se saranno lungimiranti, sapranno che occorrerà ragionare su uomini e programmi nel segno della discontinuità, ma no ad operazioni algebriche che gli elettori non capirebbero". Nessuna indiscrezione sulla composizione della sua eventuale giunta, ma de Magistris ha ribadito che saranno "uomini e donne onesti, con la schiena diritta e coraggiosi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4