lunedì 27 febbraio | 06:22
pubblicato il 28/ott/2013 17:05

Myanmar: Grasso, San Suu Kyi esempio di gentilezza rivoluzionaria

Myanmar: Grasso, San Suu Kyi esempio di gentilezza rivoluzionaria

(ASCA) - Roma, 28 ott - San Suu Kyi e' ''un punto di riferimento importante per tutti, soprattutto per i piu' giovani. Il suo e' un esempio di forza non violenta, di amore per il proprio Paese e per il proprio popolo, di ferma determinazione, di gentilezza rivoluzionaria''. Lo afferma il presidente del Senato, Pietro Grasso, in occasione della visita a Palazzo Madama del premio nobel per la pace e componente del Parlamento birmano San Suu Kyi.

''Anche durante gli anni bui degli arresti domiciliari - ricorda Grasso - la sua voce e' stata per il mondo intero un faro sui diritti umani in Birmania. Una voce forte, coraggiosa e coerente, che ha posto il tema della tutela dei diritti umani e delle liberta' democratiche in Myanmar all'attenzione della comunita' internazionale''. ''Il Myanmar e' per l'Italia un interlocutore importante, con il quale il nostro Paese ha sempre mantenuto un dialogo costruttivo e consapevole. L'assunzione da parte del Myanmar della Presidenza dell'Associazione delle nazioni dell'Asia Sud-Orientale - prevista per il 2014, ovvero nello stesso anno in cui l'Italia avra' la Presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea - non potra' che rafforzare ulteriormente i rapporti bilaterali, anche in ambito economico e commerciale'', prosegue Grasso.

''Dobbiamo pero' ricordare che non puo' esserci sviluppo economico senza rispetto dei diritti fondamentali, senza tutela della dignita' umana. Non c'e' vera crescita senza democrazia. Se non si riducono le disuguaglianze sociali e non si tutelano i diritti e le liberta' individuali, nella sfera privata cosi' come in quella sociale e politica, lo sviluppo di un Paese resta fragile e precario. Crescita non e' soltanto produzione di reddito e di ricchezza, ma soprattutto istruzione, formazione, assistenza sanitaria, liberta' di espressione e di informazione e partecipazione ai processi decisionali. Dal 2011 i segnali di transizione del Myanmar verso un regime democratico sono sempre piu' numerosi e incoraggianti. Alcune misure sono state gia' approvate ed e' ora al centro del dibattito politico una revisione della costituzione vigente'', sottolinea Grasso. ''In Italia questo processo e' seguito con attenzione tanto dall'opinione pubblica e dalla societa' civile quanto dalle istituzioni. L'Italia non ha mai cessato di dialogare con il suo Paese - dice Grasso rivolgendosi a San Suu Kyi - e intende accompagnarlo verso un futuro di prosperita', diritti e democrazia. Proprio la settimana scorsa il Senato ha approvato all'unanimita' un ordine del giorno con il quale si impegna il Governo a garantire sostegno, in Unione Europea e nelle sedi internazionali, all'ulteriore evoluzione del processo democratico in Myanmar, anche nella prospettiva delle elezioni politiche del 2015.

Noi auspichiamo che si giunga ad una rapida maturazione in Myanmar di una democrazia sostanziale, in cui ciascuno possa direttamente contribuire attraverso l'impegno politico al futuro del Paese''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech