lunedì 05 dicembre | 05:39
pubblicato il 04/feb/2013 19:25

Mps: Ferranti (Pd), da Csm riflessione su modifiche al codice penale

Mps: Ferranti (Pd), da Csm riflessione su modifiche al codice penale

(ASCA) - Roma, 4 feb - ''Io credo che la pratica aperta del comitato di presidenza del Csm vada a riflettere su eventuali modifiche processuali del codice di procedura penale in materia di regole della competenza territoriale, soprattutto in sede di indagini''. Lo afferma a Radio Radicale la capogruppo uscente del Pd in commissione giustizia alla Camera Donatella Ferranti, candidata capolista nella circoscrizione Lazio2, a commento della apertura di una pratica da parte del Csm sulle eventuali modifiche della disciplina processuale dopo ''le perplessita''' registrate in ordine alla sovrapposizione di plurimi interventi giudiziari sul caso Monte dei Paschi di Siena. ''La competenza si radica con il giudice - spiega Ferranti -ma il nuovo codice di procedura penale del 1989 impone regole che possono portare anche a piu' filoni di inchiesta presso varie procure, anche in relazione al luogo in cui il reato si e' consumato. Il correttivo e' innanzitutto verificare, a partire dalle procure che ricevono delle denunce, se ci siano i presupposti per trasmettere l'indagine ad altre procure che magari stanno gia' indagando quei fatti, e quindi applicare le regole dei procedimenti connessi, che si riuniscono perche' c'e' la preponderanza e la necessita' di una indagine piu' coordinata. Poi pero' lo stesso codice di procedura in maniera accorta individuo' anche un onere di collegamento delle inchieste. Questo per dire quindi che ognuno non puo' andare a ruota libera perche' ci possono essere effetti negativi sul risultato dell'inchiesta, e possono esserci poi anche delle azioni non coordinate che si annullano tra di loro. Ecco la necessita' di riunione delle inchieste e del collegamento''. ''Il Csm, che per legge puo' anche suggerire al ministro modifiche legislative - prosegue Ferranti - forse stara' riflettendo alla luce di questi episodi ma anche altri di poter valutare questo effetto. E' anche opportuno notare come da notizie di stampa ci sara' una riunione di collegamento tra le procure interessate che andranno a verificare chi dovra' andare avanti, se magari in maniera parallela piu' procure, magari con quell'obbligo e l'onere di collegamento in cui si deve tenere da parte il protagonismo e in cui l'interesse prevalente deve essere quello di accertare al meglio e in maniera piu' celere possibile i reati commessi''.

com-ceg/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari