domenica 04 dicembre | 21:28
pubblicato il 24/gen/2013 18:34

Mps: De Luca (Pli), e' la crisi di un sistema illiberale

(ASCA) - Roma, 24 gen - ''Quella del Monte dei Paschi di Siena e' una crisi di sistema, della politica clientelare e illiberale, di un sistema di potere, che raccoglie consenso e voti a Siena e provincia attraverso le erogazioni della Fondazione Monte Paschi, che a sua volta controlla la banca''. E' quanto afferma Stefano De Luca, segretario del PLI-Liberali per l'Italia, il partito erede di Croce, De Nicola ed Einaudi e di tutta una tradizione, ''purtroppo - osserva - minoritaria nel nostro Paese, in cui prevale un mix di cattosocialismo e conservatorismo''.

''Ora Siena - prosegue De Luca - e' la punta di diamante di questo sistema di intreccio tra partito, in questo caso il PD, che controlla il Comune e la Provincia, che designano i loro uomini nella Fondazione, a sua volta guidata da un uomo di Chiesa. Al di la' degli errori che oggi vengono attribuiti all'ex presidente della Fondazione prima e del Monte Paschi poi, Giuseppe Mussari, un giovane avvocato proveniente dal partito e quasi del tutto inesperto di cose di banca, resta il fatto che la Fondazione Monte Paschi ha concentrato da sempre le proprie erogazioni su Siena e provincia, non facendo mancare fondi alle corse ciclistiche cosi' come all'ospedale. E' l'esempio piu' spiccato - sottolinea - dei guasti che puo' produrre lo stretto l'intreccio tra Fondazioni, banche e potere politico, per creare consenso nella popolazione, la quale poi premia il PD con percentuali da partito unico''.

''Sara' un caso - si chiede - che il Monte Paschi si sia mezzo rovinato nell'acquisire dal Santander e dai Botin, in odore di opus Dei, l'Antonveneta, ad un prezzo quasi doppio rispetto al suo valore, che Mps sia stato in prima linea nel tentativo di acquisizione della BNL, al tempo che Fassino poteva chiedere a Consorte 'abbiamo una banca?'. L'unico rimedio - conclude De Luca - e' che le idee liberali restino a contrastare ogni forma di incucio, di minaccia alla libera concorrenza, al merito''. red/mar/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari