domenica 22 gennaio | 04:56
pubblicato il 09/giu/2014 13:12

Mose: Zaia, Renzi corretto a non disconoscere i suoi coinvolti

(ASCA) - Padova, 9 giu 2014 - ''Io non ho approfittato di questa situazione visto che non c'e' nessuna persona citata della Lega. L'ho fatto perche' rappresento tutti i veneti.

Saranno i tribunali a chiarire le responsabilita'''. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a margine di un incontro a Padova, in merito all'inchiesta sul Mose la sua evenutale influenza sul voto per la poltrona di sindaco di Padova, che ha visto eletto l'esponente della Lega Nord, Massimo Bitonci. ''Renzi si e' dimostrato una persona corretta perche' non ha disconosciuto, come hanno fatto altri nel Partito Democratico, Orsoni e Marchese - ha aggiunto Zaia -.

Renzi ha preso una posizione che gli rende merito ed e' riuscito a sbugiardare il suo segretario regionale''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4