domenica 04 dicembre | 07:40
pubblicato il 09/giu/2014 13:12

Mose: Zaia, Renzi corretto a non disconoscere i suoi coinvolti

(ASCA) - Padova, 9 giu 2014 - ''Io non ho approfittato di questa situazione visto che non c'e' nessuna persona citata della Lega. L'ho fatto perche' rappresento tutti i veneti.

Saranno i tribunali a chiarire le responsabilita'''. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, a margine di un incontro a Padova, in merito all'inchiesta sul Mose la sua evenutale influenza sul voto per la poltrona di sindaco di Padova, che ha visto eletto l'esponente della Lega Nord, Massimo Bitonci. ''Renzi si e' dimostrato una persona corretta perche' non ha disconosciuto, come hanno fatto altri nel Partito Democratico, Orsoni e Marchese - ha aggiunto Zaia -.

Renzi ha preso una posizione che gli rende merito ed e' riuscito a sbugiardare il suo segretario regionale''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari