domenica 26 febbraio | 21:13
pubblicato il 07/giu/2014 15:13

Mose: Serracchiani, politici a casa quando tradiscono mandato elettori

Mose: Serracchiani, politici a casa quando tradiscono mandato elettori

(ASCA) - Pordenone, 7 giu 2014 - ''Ci sono reati che sono assolutamente incompatibili con il fare politica. Non esiste che dopo vent'anni si incontrino le stesse imprese, le stesse persone della prima tangentopoli. Quando si tradisce il mandato degli elettori non si puo' continuare a fare politica, magari per sempre''. Debora Serracchiani, presidente del Friuli Venezia Giulia e vicesegretaria del Pd, assicura che il nuovo partito democratico dara' luogo ad una ''cesura'' con il sistema che ha prodotto vicende come quelle del Mose e dell'Expo. ''Vogliamo prendere le distanze e iniziare un percorso nuovo che ci permetta di accettare la sfida culturale che c'e' dietro il dire che della corruzione si deve e si puo' fare a meno'', aggiunge, intervistata a margine di un convegno a Pordenone dell'Aied.

Serracchiani esprime ''assoluta amarezza'' per quanto avvenuto. ''Ci siamo confrontanti con il presidente del Consiglio e ci siamo detti: ci stiamo ammazzando per tornare ad essere credibili ed avere un Paese nel quale si investe di nuovo, (e i risultati stavano arrivando, in questa regione li abbiamo toccati con mano) e poi capitano queste cose''. Ma, aggiunge Serracchiani, ''noi possiamo avere il codice etico migliore, possiamo darci le regole piu' efficaci, ma soprattutto e' indispensabile buttare fuori dalla nostra societa' i ladri''.

Il che vuol dire, secondo Serracchiani, che ''la responsabilita' politica se la deve assumere il Pd nel creare una cesura netta e chiara perche' la nuova classe dirigente del partito che non ha nulla a che fare con il passato e nulla vuole avere a che fare''. ''Va detto con chiarezza - insiste Serracchiani - che il Pd non fa sconti a nessuno in tema di legalita', moralita' ed etica pubblica''. E ''non fare sconti a nessuno - spiega Serracchiani - non significa scaricare questo o quello, se e' del Pd o non lo e', ma significa dire che non siamo piu' un paese dove paiono normali queste cose qui''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech