martedì 24 gennaio | 06:22
pubblicato il 05/ago/2013 13:32

Moro: tutti i partiti d'accordo per istituire commissione inchiesta

Moro: tutti i partiti d'accordo per istituire commissione inchiesta

(ASCA) - Roma, 5 ago - Istituire una commissione parlamentare d'inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro ''per chiarire i misteri e gli enigmi''. Primi firmatari della proposta di legge sono gli onorevoli del Pd Giuseppe Fioroni e Gero Grassi ma l'iniziativa ha trovato consenso in tutti i gruppi parlamentari. Hanno firmato anche il capigruppo del Pd alla Camera Roberto Speranza, del Pdl Renato Brunetta, di Sel Gennaro Migliore, di Scelta Civica Lorenzo Dellai, di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, di Centro Democratico Pino Pisicchio, dal Vicecapogruppo della Lega Nord Gianluca Pini, da Pier Luigi Bersani, Rosi Bindi, Raffaele Fitto, Lorenzo Cesa, Bruno Tabacci, Andrea Cecconi e da altri novanta deputati in rappresentanza di tutti i gruppi.

''A 35 anni di distanza - sostengono Fioroni e Grassi - il caso Moro e' ancora una pagina densa di misteri e di enigmi.

Nuove rivelazioni e dichiarazioni hanno riacceso i riflettori sul 'caso Moro'. Sembrano emergere rilevanti elementi di novita', che riguardano azioni ed omissioni. Ruotano sul sospetto, sempre piu' connotato da certezza, che la morte di Moro poteva essere evitata. Impegnarsi per ricercare tutta la verita' - aggiungono - e' uno dei migliori servizi che come deputati possiamo fare per il rafforzamento e la credibilita' delle nostre istituzioni.

Ricercare tutta la verita' vuol dire continuare a rendere giustizia ad Aldo Moro, alla sua famiglia e a tutti coloro che credono e amano la democrazia e la liberta' e proprio per questo non temono la verita'''.

''Spiace purtroppo constatare che, fatti salvi alcuni importanti servizi radiotelevisivi e molti libri scritti sull'evento, ancora oggi esiste una reticenza generale a discutere del 'Caso Moro', di cui si parla solo in occasione delle ricorrenze del 16 marzo e 9 maggio. Nonostante il trascorrere degli anni, permane un senso di colpa su quello che lo Stato poteva e doveva fare per la liberazione dello statista Dc e che invece non ha fatto o non ha fatto completamente'', concludono.

ceg/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4