lunedì 23 gennaio | 11:42
pubblicato il 15/mar/2012 20:27

Monti vede 'ABC':Riforma lavoro in dirittura,no a fibrillazioni

Ma dubbi 'tattici' del Pdl. Da premier proposte su Rai-giustizia

Monti vede 'ABC':Riforma lavoro in dirittura,no a fibrillazioni

Roma, 15 mar. (askanews) - La schiarita sul mercato del lavoro, le incognite Rai e giustizia. Il vertice di maggioranza tra il premier Mario Monti e i segretari Angelino Alfano, Pierluigi Bersani e Pier Ferdinando Casini si gioca su queste tre variabili, con tatticismi negoziali tra i tre partiti che sono continuati fino a poche ore dall'inizio del vertice. Dopo che la scorsa settimana Alfano aveva fatto saltare tutto dicendosi indisponibile a parlare di Rai e giustizia, il premier ha imposto la riunione e l'agenda - comprensiva anche dei due temi 'tabù' - perchè ha capito, anche per la reazione del Pd, che se avesse ceduto ad un veto del genere avrebbe corso il rischio di una escalation tra i partiti della maggioranza. Del resto, che la fase politica sia cambiata è evidente: il venir meno dell'emergenza-spread e l'avvicinarsi della campagna elettorale ha restituito coraggio ai partiti che finora avevano accettato il disarmo. Fibrillazioni cui il premier guarda con preoccupazione, e che stasera proverà a stemperare. Non rinunciando però a presentare sue proposte sia sulla Rai, con un intervento sulla governance, sia sulla giustizia, con un intervento sulla corruzione che recepisca le direttive Ue. Il primo argomento che sarà affrontato sarà proprio l'intervento sul lavoro, che il premier vede "in dirittura d'arrivo" ma su cui si coglie qualche malumore nel Pdl. Espresso in maniera soft da Alfano, che ha chiesto una riforma "coraggiosa", e che "non penalizzi Pmi e lavoratori". Espresso in maniera più dura da qualche esponente del Pdl, che parla della classica "montagna" e del classico "topolino". Ma che il segretario pidiellino possa davvero puntare i piedi nel vertice, lo credono in pochi. D'altro canto su questo è stato netto Bersani, irritato due giorni fa dallo strappo - poi rientrato - della Fornero: "Andremo al vertice a dire che bisogna fare l'accordo", ripete il leader Pd, che tra ieri e oggi ha incontrato di persona Cgil-Cisl-Uil e Rete imprese. Il Pdl, comunque, sembra orientato a non far saltare l'accordo sul lavoro e piuttosto, spiegano da via dell'Umiltà, "si tratterà di arrivare al confronto su Rai e giustizia avendo fatto pesare la rinuncia ad un intervento più incisivo, per condizionare così la discussione sugli altri due temi". Perchè Monti, spiegano dal governo, ha tutte le intenzioni di presentarsi al vertice con i le proprie proposte, forte delle argomentazioni già affacciate in questi giorni: entrambe le questioni hanno una rilevanza economica, entrambe vanno affrontate e per quanto possibile risolte. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4