mercoledì 22 febbraio | 03:31
pubblicato il 10/feb/2014 20:02

Monti: Romani (FI), Napolitano non nega e non convince

Monti: Romani (FI), Napolitano non nega e non convince

(ASCA) - Roma, 10 feb 2014 - ''Il Presidente Napolitano nella sua lettera in risposta al Corriere della Sera, e non agli italiani come forse sarebbe stato piu' opportuno, per quanto si tratti di un importante quotidiano nazionale, non nega la tesi dell'economista Friedman, ne' riesce, pur adducendo giustificazioni e precisazioni temporali, a convincere del tutto''. Lo afferma in una nota Paolo Romani, presidente del gruppo Fi-PDL del Senato sostenendo che ''e' infatti storia che al G20 di Cannes il Governo si presento' a mani vuote perche' il Presidente Napolitano non firmo' il decreto legge che anticipava alcuni degli interventi richiesti dall'Europa.

In quel periodo, e' noto - continua Romani - il Capo dello Stato non era certo generoso nella firma dei decreti legge come lo fu con il Governo tecnico. Cio' che colpisce e' l'assoluta sottovalutazione di affermazioni e testimonianze di persone non certo vicine al centrodestra che ricostruiscono un periodo preciso di quel 2011, ignorato nella sua lettera dal Capo dello Stato. Napolitano - sono ancora parole del capogruppo - non e' chiaro nemmeno sulla strana vicenda del professor Monti, spiega di averlo nominato senatore a vita in quanto punto di riferimento per le sue analisi sulle colonne del Corriere della Sera, ma questo importante quotidiano ne ha molti di editorialisti, di importanti firme, non mi pare che siano stati anch'essi nominati senatori a vita. La casualita' di questa nomina, a pochi giorni dalla proposta dell'incarico di Governo, a non pochi e' sembrato un vero e proprio paracadute, facendo dubitare dell'afflato del signor Monti per il suo Paese, la cui assenza e' stata confermata nei fatti dal suo Governo.

Ne', infine - dice Romani - la mancanza di obiezioni alla sua nomina a senatore a vita poteva essere interpretata come un via libera ad un suo esecutivo. Noi quel governo lo abbiamo votato e sostenuto, cosi' come abbiamo chiesto al Presidente Napolitano di rinnovare il suo impegno per il Paese, per il senso di responsabilita' che ci concerne per i 10 milioni di italiani che ci votano, ma i fatti ci hanno convinto che il Governo Monti non fosse il bene del Paese. Speriamo che i fatti non ci lascino ombre sul Capo dello Stato''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia