lunedì 05 dicembre | 20:35
pubblicato il 24/set/2012 16:35

Monti: Ripresa in 2013 ma basta inerzie su ddl anticorruzione

Premier: Italiani non ostili, non abbiamo prospettive elettorali

Monti: Ripresa in 2013 ma basta inerzie su ddl anticorruzione

Roma, 24 set. (askanews) - Il 2013 sarà un anno di "crescita economica" ma le parti sociali devono essere "coraggiose" e le imprese capire che è necessario aumentare "competitività e produttività". E un ostacolo non da poco alla competitività del Paese e all'attrazione di investimenti esteri è la corruzione. Anche per questo il premier Mario Monti ha mandato un duro avvertimento alle forze politiche perchè non perdano ulteriore tempo e non tergiversino sul ddl anti corruzione all'esame del Senato. "C'è un'inerzia comprensibile ma non scusabile - ha detto Monti aprendo la conferenza sulle riforme strutturali in Italia insieme al segretario generale dell'Ocse José ngel Gurria - da alcune parti politiche". Ma il governo intende "andare avanti". Monti non nomina il Pdl ma il messaggio è chiaramente rivolto agli azzurri a cui non a caso il presidente del Consiglio assicura che "ci sarà un pacchetto equilibrato sulla giustizia". Immediato l'appoggio a Monti sul dossier corruzione da parte del Pd con la capogruppo Anna Finocchiaro, che definisce la legge "urgentissima", e anche da Fli, mentre il capogruppo del Pdl in commissione Giustizia alla Camera Enrico Costa attacca i democratici che "fanno propaganda su un tema sbagliato". Monti è ottimista sull'uscita dell'Italia dalla crisi economica, rivendica il fatto che il Paese non sia più nella lista di quello che mettono a rischio la stabilità dell'eurozona. Certo "vanno create" le condizioni per la ripresa e per il rilancio di settori importanti tra cui quello dell'auto. Reduce dall'incontro di due giorni fa con i vertici del Lingotto sgombra il campo da ogni equivoco: loro non hanno chiesto aiuti economici al governo, se anche fosse l'esecutivo non li avrebbe concessi. Bisogna invece andare avanti con le riforme. Non è vero, però, che chi fa riforme strutturali poi perde le elezioni come ha teorizzato il presidente dell'Eurogruppo Juncker, Monti ci tiene a sottolineare che il popolo italiano "non è ostile" verso il governo. Il viatico per un Monti-bis? Per l'ennesima volta il Professore si schermisce: "Non abbiamo come prospettiva quella elettorale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari