lunedì 05 dicembre | 15:43
pubblicato il 22/ott/2013 12:00

Monti: non tramo contro il governo, ma serviva uno strattone

"Scossoni arrivati soprattutto da Pd e Pdl, noi diamo stimolo"

Monti: non tramo contro il governo, ma serviva uno strattone

Roma, 22 ott. (askanews) - "La posta in gioco è troppo elevata: a volte qualche strattone può essere utile e necessario, senza dover essere accusato di oscure trame volte a mettere a repentaglio la vita del governo presieduto da Letta". Così Mario Monti, in una lettera al vice presidente di Scelta Civica Alberto Bombassei, spiega i motivi delle sue critiche al governo. "E' paradossale accusare Scelta Civica di non dare adeguato sostegno al Governo, quando in questi mesi - ricorda Monti - le turbolenze, le minacce e i diktat al Governo sono venuti piuttosto dal Pd, impegnato in vivaci dibattiti precongressuali, e soprattutto dal Pdl, che ha cercato di usare il Governo, a volte riuscendoci, per adempiere a carico dello Stato alle sue promesse elettorali. Contribuire all'azione di governo attraverso suggerimenti, critiche costruttive e proposte alternative mettendo così a frutto le preziose competenze di cui dispone Scelta Civica, costituisce a mio avviso il modo migliore per rafforzare la tenuta di un governo che deve coraggiosamente imboccare nuove strade per modificare profondamente le asfittiche e polverose strutture produttive del paese, pena una sua rapida e forse irreversibile decadenza". Dunque "considero totalmente infondato il pretesto con il quale" da parte dei parlamentari Udc e dei 'Popolari' di Mario Mauro, "si è cercato di giustificare una presa di distanza da Scelta Civica e dal suo presidente: l'insufficiente appoggio al Governo Letta, se non addirittura una crescente ostilità. Vi sono state certo decisioni del Governo che abbiamo criticato (essenzialmente quella sull'Imu e le sue ricadute sul ddl Stabilità), sulle quali il Governo non ha ritenuto di prendere in considerazione proposte alternative presentate da Scelta Civica. Invece si è trattato soprattutto di stimoli al Governo per rafforzarne la capacità di resistenza alle pretese dei due partiti maggiori e per accrescerne la chiarezza di orientamento sul medio periodo, come si sarebbe ottenuto grazie al 'contratto di coalizione' che avevamo chiesto. Queste linee sono sempre state discusse e approvate dagli organi competenti del partito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari