giovedì 23 febbraio | 17:12
pubblicato il 19/ott/2013 12:00

Monti: Mauro-Casini specialisti slalom, snaturano Scelta civica

Senza di noi Berlusconi sarebbe al Quirinale o Palazzo Chigi

Monti: Mauro-Casini specialisti slalom, snaturano Scelta civica

Milano, 19 ott. (askanews) - Le dimissioni di Mario Monti "non sono state un fulmine a ciel sereno. Il cielo non era sereno affatto. Serviva una ventata che spazzasse via la nebbia, al cui riparo undici senatori, più un senatore al governo, operavano per uno snaturamento di Scelta civica. In particolare due capitani di lungo corso: il senatore Pier Ferdinando Casini e il ministro Mario Mauro, più altri improbabili compagni di viaggio". Lo ha affermato lo stesso presidente dimissionario di Scelta civica Mario Monti, in un'intervista al Corriere della Sera. Furono proprio Casini e Mauro, ha spiegato Monti, "tra coloro che più mi sollecitarono a guidare una nuova formazione politica". I due "paiono molto attivi" in un "secondo snaturamento" di Scelta civica, dissolvere il nostro movimento in un nuovo soggetto 'moderato', aperto a quanto pare anche al Pdl, senza badare troppo se qusto si sia veramente emendato di quelle personaità, di quei valori e di quelle linee politiche che sono molto diverse da quelle su cui si è costituita Scelta civica". "Mauro - ha aggiunto - da capogruppo al Senato è andato, con il suo collega alla Camera Dellai, a trattare per la composizione del governo, di cui non mi sono occupato, e ne è uscito ministro della Difesa". All'accusa di essere un dilettante della politica, Monti ha replicato: "Se i professionisti sono gli specialisti di slalom, allora mi considero un dilettante". Nel contrasto con Mauro e Casini sull'Imu, spiega ancora,"c'è tutta la differenza tra una politica dei contenuti, l'unica che interessa a noi, e una politica tipo Gps, cioè dei posizionamenti", "l'unica che forse interessa ad altri". Riguardo il presidente del Consiglio Enrico Letta, Monti si è detto "dispiaciuto" per il fatto che "forse per ingraziarsi il Pdl e Berlusconi che minacciava la crisi per le sue questioni giudiziarie, il governo abbia, in particolare sull'Imu, realizzato il programma elettorale del Pdl". Sulla decadenza di Berlusconi, Monti ha affermato che voterà "attenendosi alla legge" e rivendicato il fatto che "senza di noi, il Pdl avrebbe la maggioranza alla Camera e al Senato, Berlusconi sarebbe diventato a sua scelta presidente della Repubblica o presidente del consiglio, e avrebbe deciso da chi sarebbe stata occupata l'altra posizione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech