sabato 25 febbraio | 22:06
pubblicato il 27/lug/2012 05:10

Monti incassa parole Draghi: Lascerò Italia fuori da emergenza

Si allontana ipotesi urne, premier fissa agenda autunnale

Monti incassa parole Draghi: Lascerò Italia fuori da emergenza

Roma, 27 lug. (askanews) - La Bce "farà tutto" quello che le consente il suo statuto per preservare l'euro, "e sarà abbastanza". Le parole di Mario Draghi avvicinano l'obiettivo di Mario Monti: lasciare un'Italia "meno in emergenza" quando sarà terminato il mandato del suo governo. Parole che il premier sapeva in anticipo sarebbero arrivate, e che hanno sortito l'effetto sperato: lo spread è tornato sotto quota 480, l'euro si è apprezzato, le Borse hanno recuperato parte delle pesanti perdite di questi giorni. Parole che Monti ha accolto con estremo favore, tanto più che dimostrano una tesi più volte ribadita dal premier: lo spread alto non dipendeva dalla situazione economica italiana, ma dall'incertezza sul futuro dell'euro. Dunque Monti può ora concentrarsi sui prossimi atti del governo. Il taglio dei sussidi alle imprese, "quelli che si possono tagliare", è ormai "nella 'pipe line' della spending review", dice il premier in un'intervista a Tgcom24. Resta però il fronte delle riforme istituzionali, e soprattutto della legge elettorale. Ancora una volta Monti ha spronato i partiti, legando il buon esito del loro confronto alla fiducia dei mercati: "Se riuscissero, come Napolitano spesso sollecita a fare, a trovare un accordo per la riforma della legge elettorale, si darebbe il senso di un progresso realizzato e anche i mercati e i cittadini, che sono più importanti dei mercati, sarebbero rassicurati". Ma più in generale, ciò che conta è che terminata l'esperienza dei tecnici i partiti non cedano sul fronte del rigore, mantenendo lo stesso impegno mostrato in questi mesi a sostegno delle scelte del governo: "Credo che sul futuro politico dell'Italia siano i politici a poter dare rassicurazioni e credo che i mercati, se hanno considerato rigorose le politiche degli ultimi otto mesi, è perché il governo non le ha condotte da solo ma anche con il consenso del Parlamento che è composto da politici. Spero che continuino, anche con l'avvicinarsi delle scadenze elettorali".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech