giovedì 08 dicembre | 23:15
pubblicato il 25/mar/2012 12:10

Monti in Asia per roadshow, riforma lavoro 'fiore all'occhiello'

Viaggio di dieci giorni in 4 nazioni: Investite in Italia

Monti in Asia per roadshow, riforma lavoro 'fiore all'occhiello'

Roma, 25 mar. (askanews) - Indurre la Cina a contribuire più attivamente alla soluzione della crisi globale, spingere il Giappone ad una maggiore apertura del proprio mercato. E soprattutto spiegare alla business community asiatico che investire in Italia e nel suo debito pubblico è conveniente. Il Premier Mario Monti parte oggi per il 'roadshow' sull'ultima frontiera non ancora raggiunta dai suoi viaggi, e dopo City, Wall street e piazza europee, prova a convincere anche gli investitori asiatici a tornare sui nostri mercati. Con un 'fiore all'occhiello', la riforma del lavoro appena varata dal Cdm e che potrà far dire al presidente del Consiglio che "il sistema italiano è per quanto riguarda il mercato del lavoro moderno e non esiste più una difficoltà specifica, vera o presunta, che si opponga agli investimenti in Italia con riferimento al mercato del lavoro". Un viaggio lunghissimo, dieci giorni complessivi per toccare quattro nazioni: Corea del Sud, Giappone, Cina e Kazakistan. E un'agenda decisamente fitta, tra Conferenza sulla Sicurezza nucleare, Boao Forum (la Davos asiatica), e incontri bilaterali. Con l'obiettivo primario, spiegano fonti della delegazione, di presentare il lavoro compiuto in Europa con il fiscal compact, i nuovi obiettivi sul fronte della crescita, e le riforme adottate dall'Italia a Paesi che - sottolineano le stesse fonti - "vogliono prendere contatto con il governo di un Paese che nel giro di pochi mesi è passato dall'esere parte del problema all'essere parte della soluzione". Paesi che "guardano all'Italia come a un player mondiale". E per spiegare meglio la situazione italiana, è stato preparato del materiale illustrativo da consegnare a tutti gli interlocutori. Particolarmente rilevanti i temi legati al G8 e al G20, quest'anno dedicati alla crescita e alla ricerca di un accordo per operazioni coordinate e omogenee miranti allo sviluppo e alla creazione di nuova occupazione. Ma si parlerà anche di riforma dell'Onu, con la Cina insieme all'Italia nel dire no a nuovi membri permanenti del Consiglio di Sicurezza e il Giappone su posizioni opposte.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni