lunedì 05 dicembre | 02:11
pubblicato il 12/feb/2014 10:36

Monti: Frattini, la caduta di Berlusconi non fu un complotto

Monti: Frattini, la caduta di Berlusconi non fu un complotto

(ASCA) - Roma, 12 feb 2014 - ''La speculazione stava attaccando l'Italia come un leone ferito. Francia e Germania non c'entrano. La maggioranza era sul punto di sfaldarsi.

Berlusconi compi' una scelta alta e giusta, chi la attribuisce ad altri non gli rende onore''. Cosi' l'ex ministro degli Esteri, Franco Frattini, in un'intervista al 'Corriere della Sera'.

''Non furono affatto mesi di complotti'', assicura l'ex ministro. ''La nota del Presidente Napolitano mi pare chiarissima: consultare un ex commissario europeo e allora presidente della Bocconi largamente stimato come era Monti, chiedergli valutazioni sulla crisi economica dell'Italia che era gia' evidente con l'inizio dell'attacco speculativo che raggiunse il suo apice nelle settimane successive, mi sembra un fatto normale e direi doveroso''. ''Tremonti presento' la manovra a giugno. Immediatamente si scatenarono una raffica di dichiarazioni dall'interno della maggioranza fatte di minacce di defezioni ulteriori rispetto a quelle gia' subite con lo strappo di Fini, e fatte da annunci di crisi a giorni alterni da parte della Lega...'', ricorda Frattini. A luglio - continua Frattini - nel suo discorso alle Camere, ''Tremonti diede il senso della drammaticita' della situazione con questa frase ''come sul Titanic, qui vanno a fondo anche i passeggeri di prima classe''. Lo spread, lo ricordo, era gia' salito a 300, le preoccupazioni europee crescevano e ci arrivo' la lettera della Bce nel mezzo di un durissimo attacco speculativo all'Italia. Berlusconi torno' dal vertice di Cannes con l'impegno ad anticipare il pareggio di bilancio al 2013, e Tremonti si infurio' perche' sarebbe servita, disse, una manovra enorme. Lo spread si impenno', la maggioranza era a un passo dallo sfaldarsi - c'era il gruppo di Antonione che aveva lasciato, si parlava del possibile strappo di Scajola - e fu chiaro che non avremmo potuto reggere''. ''In quei mesi partecipai a un incontro al Quirinale delicato e difficile. Il capo dello Stato aveva ripetuto piu' volte a Berlusconi: ''Presidente, lei si preoccupi della sua maggioranza. Finche' c'e', il suo governo sara' in carica''.

E, infatti, il governo cadde quando la maggioranza venne meno in Parlamento, non fuori''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari