sabato 10 dicembre | 22:22
pubblicato il 20/ott/2012 05:10

Monti difende anti-corruzione, Vietti: Nessuna stroncatura Csm

Premier: Superate resistenze partiti. Pd: Noi volevamo di più

Monti difende anti-corruzione, Vietti: Nessuna stroncatura Csm

Roma, 20 ott. (askanews) - Difende il ddl anticorruzione il premier Mario Monti ed è l'occasione per una stoccata alla sua maggioranza: avremmo voluto fare di più, ma finora nessun governo è riuscito a fare meglio, l'importante comunque è aver superato "le resistenze dei partiti", dice da Bruxelles. Parole alle quali reagisce "stupito" il Pd, pronto a segnare la differenza dall'atteggiamento del Pdl rivendicando il lavoro messo in campo per ottenere un "provvedimento più stringente ed efficace". "Dispiace leggere critiche e sentir fare di tutta l'erba un fascio riguardo all'impegno delle forze politiche su questo provvedimento", detta la presidente dei senatori democratici Anna Finocchiaro. La polemica a distanza innescata dalle parole di Monti accompagna un altro fronte caldo di giornata: quello del parere sulle nuove norme che il Csm sta preparando. La prossima settimana ci sarà la versione ufficiale, ma già le anticipazioni danno conto di passaggi "critici" che il documento contiene sugli effetti che sul sistema avrà il ddl approvato due giorni fa in Senato e che ora attende il nuovo esame della Camera. Pene troppo basse per alcuni reati, il rischio concreto è andare incontro alla 'morte precoce' per prescrizione dei processi, avvertono in sostanza i consiglieri di Palazzo dei Marescialli. Si tratta di osservazioni messe nero su bianco in una decina di pagine, scritte dai due relatori, i togati Paolo Auriemma (Unicost), che della Commissione che se ne sta occupando è anche il presidente, e il collega 'indipendente' Paolo Corder. Lunedì la nuova bozza dovrebbe ottenere il primo via libera, poi mercoledì "con procedura d'urgenza" sarà discussa e votata dal plenum. Sui giornali è finita una "bozza datata", ha precisato il vicepresidente del Csm Michele Vietti: il parere non sarà una 'stroncatura', anzi "si tratterà di una valutazione sostanzialmente positiva pur in presenza di rilievi critici", ha voluto spiegare. E ha insistito: "Le positività sono ampiamente superiori alle criticità". Criticità, ha spiegato, che "si appuntano in particolare sugli effetti del ddl sotto il profilo della prescrizione, che non è un problema di questa legge ma è un problema di carattere generale, è un quadro che non funziona generato dalla legge Cirielli. Un contesto in cui la prognosi di morte precoce di un processo è troppo spesso ricorrente". Su questo tante volte il Csm ha già richiamato la necessità di un intervento". E tra gli elementi di "criticità" inseriti nel nuovo testo non manca il riferimento alle norme che riguardano i magistrati collocati fuori ruolo, un tema giudicato a Palazzo dei Marescialli anche "disomogeneo" rispetto al resto del provvedimento. Rilievi, ci ha tenuto a precisare più volte Vietti, che però non rappresentano "affatto una stroncatura": "Governo e Parlamento hanno fatto un buon lavoro, chi pensa di utilizzare il Csm per metterli in discussione ha sbagliato indirizzo". Il contributo del Csm può servire a raddrizzare la rotta, semmai: "Il Consiglio ha voluto attendere che il Senato votasse, il nostro è un contributo per la prossima tappa, offerto nello spirito di leale collaborazione con il ministro che poi sarà libero di tenerne conto. Il Csm è un organo istituzionale con specifiche competenze tecniche che può e deve contribuire a rappresentare al governo le possibili ricadute e gli effetti delle iniziative legislative sul funzionamento del sistema giudiziario". Non la pensa così il segretario del Pdl Angelino Alfano: il Csm, osserva l'ex Guardasigilli, si "colloca sempre come terza Camera a contestazione di ciò che fanno i Parlamenti qualsiasi a colore politico. Non ho mai visto il Csm esprimere un giudizio positivo su nessun disegno di legge di nessun governo di nessuna parte politica. Il Csm viaggia in assoluto sganciamento rispetto a ciò che un Parlamento libero fa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina