martedì 28 febbraio | 12:24
pubblicato il 23/feb/2012 14:31

Monti: Dialogo ma per obiettivi alti, non diremo sì a tutto

"Sistema politico maturo, su riforme prevalga interesse generale"

Monti: Dialogo ma per obiettivi alti, non diremo sì a tutto

Roma, 23 feb. (askanews) - Disponibilità al dialogo con il Parlamento, ma determinazione a ragionare solo su obiettivi "alti", ovvero su interventi che veramente vadano nella direzione di "rendere il Paese più competitivo". E dunque "ci saranno modifiche che possiamo accogliere, e non tutte le modifiche sono un arretramento, e altre che non potremo accogliere e non accoglieremo". Così il premier Mario Monti, rispondendo ad una domanda sulle pressioni delle varie categorie in merito al decreto liberalizzazioni e alla riforma del mercato del lavoro. L'obiettivo, guardando insieme i due provvedimenti, è sempre quello del "bilanciamento dei sacrifici" sulle varie categorie sociali ed economiche: "Si potrebbe avere anche con piccoli interventi, ma è nostra responsabilità cercare di avere un bilanciamento dei sacrifici a un livello davvero alto". Nella conferenza stampa congiunta con il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, il premier spiega di contare molto sul senso di responsabilità del sistema politico e dei cittadini: "Le popolazioni di Italia e Spagna, le nostre opinioni pubbliche e sia pure con modalità diverse i nostri sistemi politici, stanno dando prova di grande maturità nella consapevolezza che è in gioco il benessere collettivo, e politiche per rendere più competitivo il Paese sono nell'interesse di tutti e di cisascuno. Gli interessi di categoria sono legittimi, il più dele volte, è comprensibile che cerchino di tradursi in modifiche alle proposte del governo, ed è doveroso che il governo sia aperto al dialogo con l'organo che avrà la parola definitiva, il Parlamento". Ma detto questo, Monti rimarca che "il governo tiene moltissimo ed è disposto e pronto ad impiegare tutto il credito di cui può disporre affinchè il risultato" sia quello voluto. "Se prendiamo insieme i due cantieri aperti, lavoro e liberalizzazioni, abbiamo chiesto sacrifici sia da una parte sia dall'altra. Abbiamo due obiettivi che guidano la nostra azione: che ci sia un bilanciamento dei sacrifici tra le diverse parti sociali ed economiche, e che il livello dell'avanzamento verso un'Italia più competitiva, sia un livello alto. Il bilanciamento si potrebbe avere anche con piccoli interventi, ma è nostra responsabilità cercare di avere un bilanciamento dei sacrifici a un livello davvero alto". Il risultato, avverte il premier, è che "ci saranno modifiche che possiamo accogliere, e non tutte sono un arretramento, e altre che non potremo accogliere e non accoglieremo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech