sabato 21 gennaio | 17:02
pubblicato il 04/feb/2013 12:00

Monti contro Italia delle veline: Basta prigionia immagine donne

Rispetto, dignità, valorizzazione non dipendono da età e bisturi

Monti contro Italia delle veline: Basta prigionia immagine donne

Roma, 4 feb. (askanews) - "Il nostro impegno per la nuova legislatura è quello a fianco di chi si batte per porre fine ad ogni forma di violenza sulle donne e considera la tutela del della loro dignità di persone e la loro valorizzazione non solo un dovere sociale ma un fattore indispensabile per il rilancio dello sviluppo nel nostro Paese. Vogliamo un'Italia che estirpi ogni forma di violenza e sfruttamento sul femmininale. E che rispetti e attui in pieno il principio di uguaglianza costituzionalmente garantita ma purtroppo spesso ancora ignorata. Un principio costituzionale di uguaglianza che comporta anche il dovere del rispetto dell'immagine della donna, oggi ancora troppo spesso sfrutatta e abusata anche nel nostro Paese. Con immagini di donne solo e sempre belle e giovani a qualunque costo, in una vera prigionia dell' effimero...". Il premier Mario Monti è intervenuto oggi nella prima delle due giornate della Conferenza internazionale per la messa al bando delle mutilazioni genitali femmininili, in corso a palazzo Giustiniani, posando con tutte le donne africane convocate a Roma da Emma Bonino e 'Non c'è pace senza giustizia', per dare attuazione in tutti gli Stati del mondo alla moratoria approvata a dicembre dall'assemblea delle Nazioni Unite. E Monti, nell'assicurare il suo impegno personale e istituzionale, per la concreta attuazione in Italia, si è prodotto in una sorta di 'je accuse' dell'Italia di veline e giovani in carriera grazie al loro look ed apparenza, di berlusconiana memoria. "Uguaglianza e rispetto per le donne - ha affermato fra l'altro Monti nel suo discorso alla conferenza internazionale- sono principi fondamentali di civiltà che fanno riferimento ai diritti della persona che si declinano dando spazio e riconoscimento all'intelligenza e al valore. Ed intelligenza e valore si possono esprimere in tutte le età della vita. Così come la dignità della donna va difesa e valorizzata in ogni momento della sua esistenza, del tutto slegato dal fatto che si voglia da loro che siano o appaiano comunque giovani e belle...". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4