sabato 21 gennaio | 16:37
pubblicato il 28/nov/2013 12:00

Monti: Cav decaduto, Italia ha più fiducia in sè

Senatore Sc: Si possono fare leggi rigorose, valide per tutti

Monti: Cav decaduto, Italia ha più fiducia in sè

Roma, 28 nov. (askanews) - "L'Italia può avere adesso più fiducia in se stessa. Non perché Silvio Berlusconi ha dovuto lasciare il Senato, ma perché l'ha dovuto lasciare a seguito di una serie di misure che hanno reso l'Italia, oggi più che ieri, uno Stato di diritto e che hanno dimostrato che nel nostro Paese, se si vuole, si può governare, si possono fare leggi rigorose, severe, applicabili a tutti". Lo ha detto questa mattina a Radio Anch'io il senatore Mario Monti, fondatore di Scelta Civica. "Non è stata la sinistra, non è stato il Movimento 5 Stelle a portare a questo fatto - ha aggiunto -. Ma è stato un governo di grande coalizione, che io presiedevo, e che, sul finire del 2011, corrispondendo alla richiesta che veniva da tutti partiti perché non volevano presentarsi alle elezioni con tutti i casi di corruzione e di scandali che i cittadini vedevano. C'è stata quindi - ha sottolineato Monti - una forte domanda da parte dalle forze politiche di un pacchetto anticorruzione e di un provvedimento a difesa dell'istituzione parlamentare, che mettesse fuori i condannati dal Parlamento. Non è quindi una misura anti-Berlusconi. una misura a tutela degli elettori e delle istituzioni. Il fatto acquisito ora è che corruzione, abusi della politica ed evasione fiscale sono cose per le quali il sistema italiano si è attrezzato con leggi e, cosa importantissima da spiegare anche all'estero, che questa legge è stata fatta applicare non solo nei confronti di una trentina di consiglieri regionali e comunali, ma anche nei confronti della personalità più potente, più popolare e che ha dato un contributo di portata storica alla vita italiana". "E qual è il test per capire se un Paese è uno Stato di diritto? Se la legge è uguale per tutti. E qui, con buona pace dei sostenitori di Berlusconi, non c'è stata nessuna discriminazione contro di lui. Però il fatto di essere così potente e così influente - ha concluso Monti - non ha impedito l'applicazione della legge".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4