lunedì 23 gennaio | 10:22
pubblicato il 23/nov/2011 21:32

Monti al Colle. E su crisi Napolitano raccomanda scelte comuni Ue

Colloquio alla vigilia del delicato vertice con Merkel-Sarkozy

Monti al Colle. E su crisi Napolitano raccomanda scelte comuni Ue

Roma, 23 nov. (askanews) - Alla vigilia di un vertice delicatissimo per l'Italia, quello con Angela Merkel e Nicolas Sarkozy domani a Strasburgo, il presidente del Consiglio, Mario Monti, sale al Quirinale. Un'ora e mezza dura il colloquio del professore con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Un incontro non imprevisto, servito a fare il punto sulla crisi economica la cui morsa non abbandona nè il nostro paese, nè il resto della zona euro. Monti ha relazionato Napolitano sugli incontri avuti ieri a Bruxelles e anche sull'intesa raggiunta con i presidenti della Camera e del Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, su "percorsi parlamentari agevoli, condivisi e veloci". Perchè è convinzione del presidente del Consiglio e anche del presidente della Repubblica che sui provvedimenti anti-crisi bisogna agire al più presto possibile ma in un rapporto costruttivo con il Parlamento. Ma il pensiero di Napolitano e Monti va all'incontro di domani con il presidente francese e la Cancelliera tedesca. Un trilaterale cui l'Italia è stata invitata subito dopo la nascita del governo del professore. Ma, alla vigilia, i presagi non sono dei migliori. Proprio oggi, dopo il semi-fallimento dell'asta dei bund, Merkel ha snocciolato un discorso molto duro al Bundestag, ribadendo il suo no agli eurobond e agli aiuti ai paesi deboli da parte della Bce e insistendo sulla necessità di una politica fiscale comune che preveda sanzioni per i paesi inadempienti. Per l'Italia non si mette benissimo, visti i livelli dello spread - anche oggi oltre i 500 punti - e i tonfi di Piazza Affari. Sugli eurobond Monti invece la pensa all'opposto della Merkel e domani potrebbe puntare su eventuali complicità con la Francia, anch'essa in condizione più debole della Germania, seppure per il momento migliore dell'Italia. Ma la crisi, come ripete Napolitano da mesi, riguarda tutta l'Europa. "Siamo tutti nella stessa barca", ha avuto modo di dire non molto tempo fa. Un pensiero che conferma anche oggi, insistendo, pure con lo stesso Monti, sulla necessità di affrontare i problemi comuni dell'Unione con scelte comuni. No a fughe in avanti o tentazioni isolazioniste da parte di nessuno, sì alla cooperazione, anche e soprattutto in questo difficilissimo momento per l'Ue e la sua moneta.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4