lunedì 05 dicembre | 17:36
pubblicato il 13/ago/2014 17:46

M.O.: Siddi, con Simone Camilli perdiamo un testimone di verita'

(ASCA) - Roma, 13 ago 2014 - ''E' una notizia terribile, sconvolgente quella della morte del fotoreporter Simone Camilli a Gaza. In quel lembo di terra una tragedia immensa continua a fare vittime innocenti. E allunga la lista di giornalisti testimoni caduti nell'esercizio del lavoro, che non e' attivita' belligerante. Nei luoghi di guerra si sa che i rischi sono sempre molto alti, ma la circostanza in cui ha perso la vita Simone Camilli (ripresa su un'operazione di disinnesco da parte dei palestinesi di un ordigno israeliano inesploso) rende ancora piu' drammatico, doloroso e angosciante quanto e' accaduto''. Lo afferma in una nota Franco Siddi, segretario generale Fnsi, secondo il quale ''questo e' il momento del dolore e del cordoglio, ma sara' bene chiarire tutto e appurare come realmente sono andate le cose. Lo chiediamo - afferma Siddi - insieme a Jim Boumela, presidente della Federazione Internazionale dei giornalisti (Ifj), che proprio in questi giorni doveva effettuare una missione a Gaza per una valutazione sulle condizioni di operativita' dei giornalisti ma non aveva ottenuto le autorizzazioni al movimento nell'area''.

Simone Camilli, prosegue il segretario generale della Fnsi, ''era un professionista esperto, dedito a documentare fatti reali, di grande rilevanza per comprendere la gravita' e le conseguenze della nuova guerra in corso tra Hamas e Israele. Unico suo obiettivo: far avere al mondo le immagini piu' vere, senza influenza da alcuno. E' caduto un testimone di verita', un professionista esperto e coraggioso che non stava dietro le quinte e sapeva muoversi con le dovute attenzioni. Purtroppo e' accaduto l'irreparabile''.

Secondo Siddi, ''quella del fotoreporter, anche nei tempi dell'informazione massimamente tecnologica, appare come una funzione essenziale e purtroppo talvolta tragica, come in questa circostanza. Un pensiero ai famigliari che patiscono un dolore immenso vissuto da chi conosce bene, dall'interno, la professione giornalistica. A loro un pensiero e il nostro abbraccio - della Fnsi e della Ifj - in questo momento di grande tristezza per tutti noi''.

red/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari