domenica 04 dicembre | 07:02
pubblicato il 17/ott/2013 13:01

M.O.: Grasso incontra Abu Mazen, Italia impegnata in processo pace

M.O.: Grasso incontra Abu Mazen, Italia impegnata in processo pace

(ASCA) - Roma, 17 ott - ''L'Italia si pone nella prospettiva di aiutare come puo' il processo di pace e favorire le soluzioni diplomatiche per risolvere i conflitti nelle aree mediorientali''. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso dopo aver incontrato a Palazzo Giustinaini il presidente dell'Autorita' nazionale palestinese, Abu Mazen.

''E' stato un incontro molto importante - ha dichiarato il presidente del Senato - abbiamo potuto constatare la piena predisposizione e attenzione per l'Italia, il Parlamento italiano, il Senato e la volonta' di andare avanti con il processo di pace per dare liberta', territori e diritti al popolo palestinese insieme al popolo israeliano''.

''E' stato un incontro arricchente - ha aggiunto la seconda carica dello Stato - che ha posto in essere anche una continuazione per quelli che sono i rapporti di cooperazione internazionale e di aiutal popolo palestinese''.

njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari