lunedì 23 gennaio | 01:23
pubblicato il 16/mag/2011 08:02

M.O./ Giorgio Napolitano oggi nei territori palestinesi

Secondo giorno della visita, vede Abu Mazen a Betlemme

M.O./ Giorgio Napolitano oggi nei territori palestinesi

Gerusalemme, 16 mag. (askanews) - La visita di Giorgio Napolitano in Medio Oriente avviene nei giorni della nascita dello Stato di Israele, quella che per i palestinesi è la 'catastrofe', la 'naqba': e ieri la giornata è stata contrassegnata da pesantissimi scontri e da un bilancio di sangue: dieci palestinesi sono stati uccisi dai soldati israeliani nell'area di Maroun a-Rs, nei pressi della frontiera tra Libano e Israele. Oggi, Napolitano al secondo giorno del suo viaggio annovera fra i suoi impegni anche una visita alla Cisgiordania dove ha sede l'Autorità nazionale palestinese. "La fondazione dello Stato di Israele è un evento storico che non può essere messa in dubbio" ha detto ieri il Capo dello Staton definendo "inaccettabile" che si parli di "catastrofe". Israele, ha detto Napolitano, è una democrazia "punto di riferimento" in Medio Oriente. Per quanto una democrazia non sia mai compiuta, ha anche detto, ricordando che in Italia ha passato la vita a consolidare le istituzioni democratiche. Delicata, dunque, la visita di oggi nei Territori che non è comunque l'unico impegno. Alle 9.30 (8.30 italiane) Napolitano inaugurerà all'istituto Van Leer di Gerusalemme una conferenza di due giorni organizzata dall'ambasciata italiana di Israele, 'Italia-Israele: gli ultimi 150 anni', per sottolineare, nel 150esimo dell'unità d'Italia, il ruolo di ispirazione che il Risorgimento esercitò sul Sionismo. Nello stesso quadro, in serata Napolitano inaugurerà la mostra 'Da Garibaldi a Herzl. Il risorgimento nazionale tra Italia e Israele' al museo Umberto Nahon, nel tempio italiano di Gerusalemme, e, successivamente, visiterà la sinagoga che si trova nello stesso stabile. Alle 12 (le 11 in Italia), il Presidente della Repubblica è infatti atteso nel palazzo presidenziale di Betlemme dove sarà ricevuto dal presidente dell'Autorità nazionale palestinese Mahmud Abbas (Abu Mazen). La visita, che si concluderà nel primissimo pomeriggio, avviene sullo sfondo del recente accordo siglato al Cairo tra i due partiti palestinesi, il Fatah guidato, in Cisgiordania dallo stesso Abu Mazen, e il movimento islamista Hamas che governa la Striscia di Gaza. La tregua, oltretutto, avviene in un momento delicato per i palestinesi poiché - non senza qualche malumore israeliano - le Nazioni Unite, all'assemblea generale del prossimo settembre, sono chiamate ad esprimersi sul riconoscimento dell'indipendenza della Palestina. Una risoluzione che ieri il presidente israeliano Shimon Peres ha definito "sbagliata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4