domenica 26 febbraio | 00:40
pubblicato il 02/ago/2011 14:16

Missioni/ Tornano in Italia 2000 militari, sforbiciata da 120 mln

Ridotta ogni partecipazione italiana eccetto presenza Afghanistan

Missioni/ Tornano in Italia 2000 militari, sforbiciata da 120 mln

Roma, 2 ago. (askanews) - Duemila soldati in meno per un risparmio di spesa complessiva di 120 milioni di euro rispetto al precedente semestre. E' la scure della crisi sulle missioni all'estero che vedono impegnata l'Italia, consacrata nella legge con cui il Parlamento ha oggi definitivamente recepito il precedente decreto del Governo, fonte di non poche tensioni. SFORBICIATE DA 120 MILIONI A TUTTE LE MISSIONI, AFGHANISTAN - Il taglio alle spese per le missioni all'estero si aggira intorno ai 120 milioni di euro: per il prossimo semestre è previsto un impegno finanziario di 664 milioni, contro gli 811 del precedente. La riduzione di spesa riguarda tutte le missioni a cui l'Italia partecipa eccezion fatta per quella in Afghanistan. ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2000 MILITARI ALL'ESTERO IN MENO . Il decreto di rifinanziamento delle missioni come convertito in legge dal Parlamento riduce a 7.222 entro il 30 Novembre il numero di unità militari assegnate a missioni all'estero, contro le oltre 9200 quest'anno impiegate. Come per le spese, la sola missione a non essere toccata è quella in Afghanistan. La riduzione più forte del contingente italiano riguarda la Libia: i soldati impiegati in meno saranno 884. Resteranno operativi in 1.086, a fronte dei 1.970 impiegati in questi primi tre mesi di operazioni. Drastico anche l'intervento sulla missione in Libia: tornano a casa 700 soldati: ne restano 1080 anzichè 1.780. Dai Balcani, l'Italia richiama 271 uomini: ne restano operativi 379 a fronte dei 650 oggi sul campo. Praticamente azzerate le presenze italiani in missioni nel Mediterraneo diverse dalla Libia: restano 17 soldati, vengono richiamti in patria in 97 dei 114 oggi impiegati. Del tutto azzerate, invece, la presenze in Georgia, (con il richiamo di tutti e 15 i militari presenti) e a Cipro (tornano a casa in 4 su 4). Resta importante, al contrario la partecipazione italiana alle missioni contro la pirateria in Africa: la riduzione è solo di 4 unità, restano operativi in 270 su 274 in servizio. E' ridota di 8 soldati la presenza in Somalia e Uganda (ne restano 11 di 19) mntre ben 32 militari sono richiamati dal Bahrein, con una presenza italiana ridotta da 125 a 93 unità. Senza variazioni, infine, le già poco significative presenze italiane in Bosnia (5), Darfur (3), Rafah, (1) Hebron (13) QUASI 17 MILIONI DI EURO PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO - E' previsto uno stanziamento di 16,5 milioni di euro a copertura di spese da parte di volontari impegnati in Afghanistan in operazioni di cooperazione allo sviluppo. La cifra è stata innalzata al Senato su richiesta del Pd, a fronte dei meno di 6 milioni inizialmente proposti dal Governo. NUOVE ASSUNZIONI ENTRO ANNO IN AEREONAUTICA, ESERCITO, MARINA - La nuova legge prevede anche lo stanziamento di 53 milioni per l'assunzione nel 2011 di personale nell'Aeronautica, nell'Esercito e nella Marina

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech