martedì 24 gennaio | 10:23
pubblicato il 06/lug/2011 22:01

Missioni/ Stop Lega al decreto,maggioranza si spacca in vista Cdm

Opposizioni: pronti a sostenere finanziamento ma Governo a casa

Missioni/ Stop Lega al decreto,maggioranza si spacca in vista Cdm

Roma, 6 lug. (askanews) - Subita una doccia fredda dal Consiglio Supremo di Difesa riunito dal Presidente della Repubblica Gioprgio Napolitano al Quirinale che ha confermato, pur ammettendo riduzioni, l'impegno italiano nelle missioni di peacekeeping all'estero. La Lega ha puntato dritto su Palazzo Chigi e, con una lettera del ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha chiesto che il decreto di rifinanziamento delle missioni non venga portato fuori odg in cui non figura all'approvazione del Consiglio dei Ministri, convocato domani mattina alle 9 a palazzo Chigi. Meglio, è il senso della missiva leghista al Premier, discuterne prima all'interno del governo, con la disponibilità ad un confronto vero e nel merito, e solo successivamente portare il decreto in Cdm per l'approvazione. Tra le argomentazioni addotte, il fatto che in un momento di grave crisi economica e in cui si chiedono sacrifici ai cittadini, ci sono troppe missioni in corso e da troppo tempo: da qui l'opportunità di rivalutarne la effettiva necessità. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, coordinatore del Pdl, senza entrare nel merito della richiesta leghista, ha rivendicato con forza valore e impegni presi al Quirinale da tutto il Governo, ministro leghista dell'Interno compreso. "Il Presidente della Repubblica, e il Presidente del Consiglio hanno dimostrato di avere a cuore il ruolo dell'Italia e delle forze armate: il Consiglio Supremo di Difesa ha fatto un lavoro di grande responsabilità e approfondimento", ha detto raggiunto dalla notizia dell'incursione legjhsita mentre era ospite dell'ambasciatore Usa in Italia in occasione dell' 'Independence Day'. Le opposizioni, dal canto loro, si sono dichiarate subito pronte a sostenere e far approvare il decreto in Parlameto se Berlusconi avrà il coraggio di non dare ascolto alla Lega e far approvare domani il rifinanziamento in Cdm, a condizione che "Berlusconi - hanno detto in coro i rappresentanti di Pd, Terzo Polo e Idv- prenda atto che non ha più una maggioranza in politica estera e ne tragga le conseguenze" perchè "la scelta grave e irresponsabile della Lega danneggia immagine e credibilità del Paese all'estero e mette a rischio i nostri militari".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4