mercoledì 18 gennaio | 13:29
pubblicato il 08/lug/2011 05:10

Missioni/ Napolitano stoppa Lega, Carroccio furioso: Ci fa guerra

Passa linea padana nel governo:E ora non facciamoci commissariare

Missioni/ Napolitano stoppa Lega, Carroccio furioso: Ci fa guerra

Roma, 8 lug. (askanews) - Sembrava fatta, per la Lega: rientro di oltre duemila soldati, risparmi per 140 milioni di euro dalle missioni militari, intervento in Libia finanziato solo fino al 30 settembre. Ma nel tardo pomeriggio arriva la doccia gelata da Giorgio Napolitano: la riduzione dei contingenti è "solo un'ipotesi", da "concordare con l'Onu e gli organismi internazionali" perchè "solo così possono essere effettive". Nel giorno in cui il Carroccio aveva strappato un'altra concessione al premier Silvio Berlusconi, è dunque il Quirinale a porre dei paletti rigidissimi ai desiderata padani. Nessuna reazione ufficiale all'intervento del capo dello Stato, con Roberto Maroni che si trincera dietro un "no comment". Ma nelle conversazioni off the record, i dirigenti leghisti sbottano: "Così è Napolitano che ci dichiara guerra". E ancora: "Non può essere il presidente della Repubblica a fare la politica del governo". Del resto, il pensiero del Carroccio sull'argomento l'aveva esplicitato in conferenza stampa il ministro Roberto Calderoli: "Il Consiglio Supremo di Difesa è un organo di indirizzo, quello deliberativo è il governo e poi il Parlamento". Un ragionamento ancor più valido dopo quella che a via Bellerio viene considerata nè più nè meno che "un'ingerenza" da parte di Napolitano. Ed espresso anche a Berlusconi, invitato a "non farsi commissariare dal Colle". Un clima in cui ritornano i vecchi malumori sul ruolo di Napolitano nell'intervento in Libia, come ad esempio "l'aver ricevuto al Quirinale i rappresentanti dei ribelli libici". Eppure la giornata sembrava iniziata bene, per la Lega. Il pre vertice invocato da Calderoli si era risolto con soddisfazione del Carroccio, tanto che il ministro leghista si presenta in sala stampa con Ignazio La Russa. Con il ministro della Difesa, è una delle versioni che circolano, la questione era già stata risolta con una telefonata, e le tensioni si sono registrate solo, per l'appunto, sul rapporto con il Quirinale. In ogni caso, l'esito era di soddisfazione praticamente piena della Lega, che - al lordo delle parole di Napolitano - aveva incassato un'altra vittoria, un altro pezzo di "mobilia da portare via" - per usare una metafora di Umberto Bossi - prima che salti il governo. Perchè, guardando lo stato della situazione nella maggioranza, i leghisti si facevano comunque poche illusioni: "Così non si può più andare avanti", erano i commenti sullo scontro feroce in atto tra Berlusconi e Tremonti, sui rimpalli di responsabilità sulla norma salva Fininvest, sui commenti sprezzanti del titolare dell'Economia nei confronti del collega Brunetta, sulle inchieste giudiziarie che ora tirano in ballo anche Marco Milanese. Ma con un paradosso: "Se Berlusconi continua a darcele tutte vinte, diventa difficile perfino trovare il casus belli...".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa