martedì 17 gennaio | 13:56
pubblicato il 17/feb/2016 12:18

Missione Interparlamentare a Mosca, Pagano: si torna a dialogare

Dopo battuta d'arresto nel 2014 con l'inizio delle sanzioni

Missione Interparlamentare a Mosca, Pagano: si torna a dialogare

Mosca, 17 feb. (askanews) - Parola al dialogo. Gli scambi interparlamentari tra Italia e Russia, che avevano incontrato una battuta d'arresto con l'inizio delle sanzioni, hanno riacquistato vigore. "Il dialogo si era interrotto; lo abbiamo ripreso nell'ottobre 2015 con la visita della Grande commissione e mi pare che abbiamo avuto successo, poichè da allora c'è stato un superamento della complessiva posizione di stagno". Così l'onorevole Alessandro Pagano (Nuovo Centro Destra) a capo della delegazione del Gruppo Italiano dell'Unione Interparlamentare, giunta a Mosca per una serie di incontri con commissioni della Duma (Affari Internazionali, Energia, Politica Economica, Istruzione, Cultura) nei giorni scorsi, e oggi del Consiglio della Federazione , il senato russo(Affari internazionali).

"Operazione molto diplomatica" la definisce Pagano, che aggiunge, "a maggio vengono loro" a Roma, a conferma che il dialogo continua. Tra i temi toccati durante le discussioni anche South Stream, il gasdotto che doveva essere costruito tra la Russia e il Sud Europa, ma che incontrò molti ostacoli da parte della burocrazia europea e alla fine venne archiviato da Vladimir Putin. Oltre ovviamente al tema siriano, sul quale a quanto pare, rispetto alla posizione italiana espressa dal presidente del Consiglio Matteo Renzi c'è un'ampia intesa all'interno del Parlamento Italiano. E questa posizione è stata di nuovo espressa nei colloqui odierni a Mosca.

L'Ucraina invece sembra sempre meno sotto i riflettori, anche nei colloqui con i russi. A parte il tornare a ribadire la necessità che tutti rispettino gli accordi di Minsk, anche per poter mettere fine alle sanzioni Ue contro Mosca e di conseguenza all'embargo russo sui prodotti agroalimentari europei. "I russi già ci vogliono bene, poi i nostri interessi bisogna misurarli in base alla forza che uno ha nel saperli mantenere" aggiunge il deputato. "Noi siamo qui come gli sherpa che fanno da apripista, per cominciare a ragionare e smussare angoli, per chi verrà dopo". Parole abbastanza chiare, che sembrano preludere a un intensificazione ad alto livello dei rapporti.

La delegazione ha visto la presenza anche di Sergio Divina (Lega Nord) e Girgis Giorgio Sorial (Movimento 5 Stelle), insieme con la consigliera per le relazioni internazionali della Camera, Susanna Radoni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa